28/07/2017 17.29.56

Nuova contesa per i tavolini su suolo pubblico

Come ogni estate che si rispetti, torna anche quest'anno la forte contesa sui tavolini davanti alle strutture ricettive. Il Comune di Lucera questa volta accusa alcuni esercenti di morosità sul pagamento della tassa per l'occupazione del suolo pubblico
Nei giorni scorsi da Palazzo Mozzagrugno è partita una vera e propria messa in mora con cui si arriva a ipotizzare la revoca dell'autorizzazione in caso di mancato adeguamento al canone, relativo agli anni precedenti a questo 2017 che non è ancora terminato.   
Tutto è nato da una ricognizione sull'argomento da cui sarebbe emerso un buco di diverse migliaia di euro, pure individuato e accertato (ma non ancora quantificato con precisione) dagli uffici di Corso Garibaldi, finora senza alcuna concreta procedura di rientro. 
Il paradosso starebbe proprio nel fatto che lo stesso ente ammette di essere creditore ma contestualmente rilascia il nulla osta per sedie e tavolini che soprattutto nel periodo estivo sono piuttosto frequentati. 
La comunicazione è partita per cinque operatori del centro storico (tre sono quelli di Piazza Duomo) e ora promette di scatenare nuove polemiche dopo le misurazioni delle superfici in piene Feste patronali 2015, con tanto di metro che comunque rischia di tornare anche quest’anno.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.