11/09/2017 11.55.15

Anno scolastico tra cibo pronto e trasporti rinviati

L’anno scolastico a Lucera è iniziato ufficialmente solo da poche ore ma non tutto ancora una volta sta andando per il verso giusto, specie nel settore trasporti visto che gli scuolabus sono ancora fermi ai box e promettono di accendere i motori solo dal 2 ottobre. In effetti fino a lunedì prossimo, con termini riaperti rispetto allo scorso 5 settembre, le famiglie potranno ancora iscrivere i propri figli al servizio, mentre le domande giunte ufficialmente al Comune sono al momento 86, in chiara flessione rispetto al centinaio registrato due anni fa.
“Stiamo facendo le verifiche degli aventi diritto e disegnando la proiezione dei percorsi – ha spiegato a Luceraweb l’assessore Michele Marucci – e solo dopo che avremo un quadro definitivo potremmo calcolare il monte chilometri. In quel momento la ditta sarà a sua volta in grado di stabilire se vengono rispettate le distanze minime pattuite dal contratto e quindi iniziare con il trasporto”.
Insomma, la situazione resta incerta e soprattutto è ancora presente il “pericolo” che l’appaltatore rinunci per una riduzione superiore al quinto d’obbligo e ritenere non remunerativa l’attività, con evidenti e maggiori conseguenze anche sull’aspetto occupazionale.
Promette di migliorare, invece, il settore ristorazione con l’aggiudicazione della gara al tandem di imprese Pastore-Gam che hanno assicurato la preparazione, anche a breve termine, dei pasti anche per cinque giorni alla settimana, sia per la scuola dell’infanzia che quella primaria. Il servizio resta comunque ancora esternalizzato anche se l’Amministrazione Tutolo avrebbe intenzione di gestirlo direttamente a partire dal prossimo anno scolastico.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.