12/09/2017 16.48.23

Nuovo 'lancio' nel canile allagato

Questa volta, oltre all’occhio della telecamera, ce ne sono altri quattro di esseri umani a testimoniare l’ennesimo abbandono di animale con l’odiosa pratica del “lancio del cane” dentro la struttura di zona Macello. E’ successo ieri pomeriggio proprio mentre due dirigenti dell’Associazione Empatia erano andati a controllare la situazione a seguito delle piogge delle ultime ore. Si sono trovati davanti una persona che era intenzionata a lasciare il cane sul posto, ma al rifiuto dei due volontari, che hanno spiegato come quello non fosse un deposito, lo ha preso e scaraventato dall’altro lato della recinzione, andando poi via a piedi senza più voltarsi indietro.
“E’ stato terribile, ma non voleva sentir ragioni – ha spiegato a Luceraweb Annamaria D’Andola – mentre cercavano di convincerlo a desistere. Abbiamo presentato regolare denuncia ai carabinieri, ma siamo stanchi di queste situazioni”.
Nel frattempo la situazione al canile è sempre più difficile, perché le precipitazioni degli ultimi due giorni hanno fatto alzare parecchio il livello dell’acqua, con allagamenti in diverse zone e cani inzuppati e immersi nel fango per diverse ore.

  • 1/3
  • 2/3
  • 3/3

Il sistema di deflusso praticamente non funziona e dall’Associazione sono tornati a chiedere all’Amministrazione comunale di mettere a disposizione un altro sito, visto che quello attuale risulta pure inagibile (e pericoloso) a causa dei piccoli crolli registrati nelle scorse settimane. 
Sono circa 450 i cani per i quali Palazzo Mozzagrugno spende ogni anno intorno ai 180 mila per la custodia e l’alimentazione di quelli presenti a Lucera e in un’altra struttura di san Marco in Lamis. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.