07/04/2019 21:30:35

Rifiuti come monumenti e (quasi) sui monumenti

Si potrebbe proporre come giochino per la Settimana enigmistica quello di trovare le differenze tra le fotografie scattate da Luceraweb in Via Aspromonte a Lucera, rispettivamente a ottobre dell’anno scorso e poi pochi giorni fa.
Praticamente nulla è cambiato per la mini discarica (specie di materiale edilizio) che lentamente cresce di volume, determinando uno dei tanti scempi visibili nelle periferie della città, di fatto terra di nessuno dove accade di tutto in tema di rifiuti.
Eppure le segnalazioni non mancano, le lamentele di residenti e imprenditori nemmeno, e invece nulla accade in tema di contrasto e prevenzione di una situazione che resta difficile dal punto di vista del decoro ma anche del rispetto delle regole di una civiltà basilare.
E di questi fenomeni se ne vedono anche in pieno centro che dovrebbe essere un attrattore turistico, addirittura a ridosso di Porta Troia, dove pure le pietre di Piazza del Popolo sanno chi è l’autore degli abbandoni di frutta e verdura scaduta nelle siepi a ridosso delle mura della città. 
E qui il discorso sfocia inevitabilmente nella valenza degli interventi nel settore del commercio ambulante, nel quale non esiste nemmeno la considerazione delle norme in materia, con situazioni scandalose, sotto gli occhi di tutti, eppure inalterate.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0488s.