06/06/2019 08:06:57

Il Consiglio comunale degli invisibili

C’è un Consiglio comunale parallelo che si potrebbe convocare oltre a quello ufficiale, il cui insediamento non è stato però ancora programmato, visto che manca l’attesa proclamazione dei 24 eletti da parte del tribunale. 
Sono quelli che alle elezioni appena concluse hanno totalizzato la bellezza di zero voti. Sono 23 su 317 totali. 
E sarebbe interessante conoscere i volti, oltre che i nomi, di coloro i quali non hanno votato nemmeno se stessi. E di motivazioni ce ne potrebbero essere diverse, al netto dello spirito di servizio che evidentemente li ha contraddistinti nell’accettare la proprio candidatura. 
Sono distribuiti in buona parte delle liste, vincenti o perdenti, e li si potrebbe premiare almeno con la soddisfazione di sedersi per una volta sulle poltrone dell’assemblea cittadina (possibilmente su quelle della sala consiliare però), quasi a compensare quegli appellativi di “portatore di acqua” che sanno un tantino di disprezzo verso chi ha rinunciato a far pronunciare almeno una volta il proprio cognome durante lo spoglio delle schede votate.
Quelli che invece non hanno resistito, o che magari sono stati vittima di qualche scherzo che quindi ha infranto le proprie intenzioni, sono altri undici. Magari con questi si potrebbe formare una bella Giunta allargata.
Si sono fermati a un solo voto ottenuto, comunque sufficiente a lasciare una piccola traccia di sé al termine di una competizione in cui molti sono entrati con il sogno di consigliere e sono usciti con la (dura) realtà di cittadino, condizione che a distanza di parecchi giorni per alcuni è maledettamente insopportabile.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0781s.