11/06/2019 08:19:59

Botta e risposta tra feci e rifiuti

Quello delle deiezioni canine che occupano strade e marciapiedi di Lucera è un problema che viene riproposto ciclicamente da Luceraweb e dai suoi lettori.
La diffusione di cartelli che invitano (con le buone o con le cattive) a non far defecare gli animali in qualche posto proliferano da anni. Peccato che a non leggerli per primi siano i cani (e ci mancherebbe!), poi i loro padroni e quindi l’Amministrazione comunale, che attraverso i vigili urbani ha fatto ben poco per sradicare questa pessima abitudine. 
Nel sorgere di nuovi avvisi, non poteva passare inosservato quello appiccicato su una campana per la raccolta del vetro in Via Trento, nel quartiere Porta Croce. Scritto in stampatello col pennarello nero, dà del lei al maleducato di turno e recita così: “Non è qui che si lasciano le feci del suo cane. Si comporti da persona civile!!”. La firma è semplicemente: Vito.
Ora, difficile capire se il signor Vito avesse in mente qualcuno di preciso quando ha attaccato il suo foglio, fatto sta che dopo appena due giorni tra le righe bianche delle sue frasi è apparsa un’altra scritta in stampatello rosso: “Non è qui che si lascia immondizia. Farmacia”. 
E già, perché a distanza di quasi otto anni dall’avvio della raccolta differenziata in città, c’è ancora chi lascia i sacchetti vicino alle campane del vetro o ai bidoni per la raccolta abiti usati.

La prima versione del cartello, senza la successiva scritta rossa


Ma, tornando alle scritte, non si capisce se quella rossa sia una aggiunta o una risposta a Vito. In tal caso, si tratterebbe di una discussione via cartello? 
Una cosa è certa: il problema degli escrementi non raccolti, pensando di fare i furbi, rimane, come quello dell’incivile abbandono dei rifiuti. 
Sarà interessante vedere quale sarà la prossima iniziativa… dei cittadini. 

e.g.
 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.