11/07/2019 08:34:50

Servizio rifiuti tra ritardi e sorteggi

Sono trascorsi una decina di giorni dall’entrata in vigore del nuovo appalto sulla gestione dei rifiuti a Lucera, ma i tanto annunciati (e sperati) miglioramenti nel servizio non se ne sono ancora visti. La prova più evidente è la situazione legata alla pulizia delle strade che si manifesta in tutta la sua precarietà non appena si alza il vento, perché buste, cartacce e sporcizia di varia natura si rimescolano invadendo strade, piazze, aiuole e vicoli. 
Insomma, lo spazzamento fa segnare ancora parecchie carenze, denunciate e segnalate da decine di cittadini in ogni angolo di Lucera, tra inefficienza degli operatori o addirittura assenza totale degli stessi, per molti giorni.
E questo a prescindere dall’odioso fenomeno degli abbandoni delle buste di spazzatura nei pressi delle campane per la raccolta del vetro o in altri luoghi ormai “eletti” a ospitare involucri extra contenitori per la raccolta differenziata. Non sono pochi quelli che invocano la rimozione delle cupole verdi dalle strade, ma molto difficilmente questa soluzione potrebbe rappresentare un deterrente per i tanti che hanno dimostrato di infischiarsene di appelli, controlli e sanzioni, ricevute o solo minacciate. 
Così come non sono pochi quelli che auspicano sanzioni nei confronti dell’azienda, o se non altro sollecitazioni più convincenti per un appena soddisfacente espletamento del servizio, magari da parte del nuovo assessore Giovanni Di Croce al quale è stata assegnata la delicatissima delega specifica. E che ci siano mancanze, anche dal punto di vista numerico del personale schierato dalla Tecneco, lo si deduce indirettamente anche da quanto previsto nel pomeriggio di martedì 16 luglio, quando alla biblioteca di San Pasquale si terrà il sorteggio pubblico per la creazione di due short list a cui attingere per i profili di addetto alla raccolta rifiuti e autista di mezzi pesanti. Quella della logistica è peraltro un'altra carenza strutturale che non appare ancora colmata, considerata la vetustà dei veicoli che si vedono in giro per la città.  
Comunque sia, vista la data scelta per quella vera e propria lotteria, gli aspiranti potranno perlomeno invocare la Madonna del Carmine che si festeggia nelle stesse ore alla parrocchia lucerina, atto intermedio (perché poi seguirà colloquio selettivo) di una procedura avviata circa un anno fa e gestita dalla Manpower. Tutto questo potrebbe significare nuove assunzioni, ma non si ancora bene in quale misura e con quale inquadramento, tanto più in un periodo in cui i dipendenti già in organico cominceranno i turni per le ferie.

Intanto, sul fronte dell’aumento dei costi di conferimento dell’umido che i comuni pugliesi, e anche quello di Lucera che è passato in pochi mesi da 66 a oltre 200 euro a tonnellata, stanno sopportando dopo la chiusura degli impianti di Maia Rigenera a Ripatetta ma anche Aseco a Ginosa, la Giunta regionale ha stanziato tre milioni di euro affidati direttamente all’Agenzia regionale per i Rifiuti che li dovrà redistribuire sul territorio, sebbene si tratti di una cifra decisamente inferiore a quanto reclamato dai sindaci nelle ultime settimane.

Riccardo Zingaro 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0469s.