10/07/2019 14:11:11

Bocciato il piano di riequilibrio del Comune

La nuova Amministrazione Tutolo si deve ancora insediare e il suo esordio di venerdì è già preceduto da una batosta di carattere finanziario, legata direttamente alla precedente gestione 2014-2019. 
La Corte dei conti non ha approvato il piano di riequilibrio presentato cinque anni fa, quando il Comune era praticamente in dissesto e quindi la maggioranza uscita delle urne pochi mesi prima decise di presentare un programma di rientro dei debiti distribuito su più esercizi finanziari. 
Da Bari, poi, non si è saputo più nulla, né in positivo né in negativo, nonostante la tempistica di riscontro prevista dalla legge parli di poche settimane di attesa.
"Abbiamo passato cinque anni a risparmiare su qualunque cosa, a pagare debiti per milioni di euro e a razionalizzare spese e fitti - ha dichiarato il sindaco Antonio Tutolo a Luceraweb - facendo sacrifici noi e i cittadini che rappresentiamo, per cui questa decisione mi sembra inspiegabile nei modi e nei tempi. Ci vogliono far dichiarare il dissesto ora che che le cose vanno decisamente molto meglio?".
Pare che una delle maggiori criticità rilevate dai giudici contabili, durante un'apposita udienza celebrata lunedì scorso, sia il profondo squilibrio di cassa che comporta una frequente richiesta di anticipazione di liquidità, dovuta alla scarsa capacità di Palazzo Mozzagrugno di recuperare somme a seguito di una diffusa evasione fiscale e soprattutto tributaria. Non è affatto una coincidenza, quindi, la recente emissione di cartelle esattoriali da parte dell'Agenzia delle entrate per circa 20 milioni di euro.
"Sarei felicissimo se ne rientrassero anche solo la metà - ha commentato Fabrizio Abate, assessore al Bilancio riconfermato qualche settimana fa nella carica - e comunque ora attendiamo di conoscere le motivazioni di questo provvedimento, perché c'è sempre la possibilità di impugnarlo davanti alle Sezioni unite della Corte dei Conti alle quali forniremo ulteriori e ampie spiegazioni su quanto fatto finora e quanto resta ancora da fare. A ogni modo, il nuovo Consiglio comunale avrà facoltà di formulare una nuova proposta che paradossalmente sarà di sicuro meno impegnativa di quella che abbiamo presentato nel 2014".

Riccardo Zingaro

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.