28/07/2020 07:49:15

Settimana elettorale piena di viaggi e movimenti

Il diario di bordo di questa settimana elettorale ha raccontato soprattutto di viaggi. Partenze, arrivi, andate, ritorni, insomma movimenti di ogni tipo, in attesa di sapere se veramente si voterà anche a Lucera per le Amministrative, oppure sarà tutto saranno rimandato alla prossima primavera, rinvio che in politica significa il passaggio ad altra era glaciale.
Intanto, certamente è finita l’era Tutolo durata sei anni ed è iniziata quella (breve o lunga che sia) di Ernesto Liguori, vice prefetto che dovrà traghettare Palazzo Mozzagrugno verso una nuova gestione politico-amministrativa.

La novità più importante è di un nuovo corso del Pd locale, anzi nemmeno tanto nuovo se si considera il rientro di esponenti che si erano allontanati a più riprese negli ultimi anni. Da Piazzetta Del Vecchio hanno tenuto a far sapere che sono tornati alla base gente come Fabrizio Abate, peraltro ex segretario del partito e fresco vice sindaco uscente, con Alfredo Mancaniello, ma anche Leonardo Del Gaudio e il suo gruppo di storici seguaci come Luciano Russo e Franco Polito. Ora il gruppo di dirigente si presenta comunque più corposo, con i riavvicinamenti di Carlo Luciano, Ivano Di Matto Aurelio e Ruggiero, l’ingresso di Davide Colucci, oltre alle conferme di Ernesto Giannetta (segretario in carica), Vittorio Grasso, Felice Trincone, Antonio Dell'Aquila e Morena Buffalo.

Nonostante il riconoscimento ricevuto al casting regionale grazie alla sua "visibilità mediatica e popolarità", Ettore Orlando è già il secondo esponente politico sulla scena locale costretto a cambiare manifesti e grafiche della campagna elettorale, visto che è stato retrocesso alla competizione tutta lucerina dove ritiene e ritengono di dover dire la sua nel centro-destra, anche per la candidatura a sindaco. Il candidato locale di Fratelli d’Italia sarà quindi Giuseppe Pica, direttore del distretto territoriale di una sanità attualmente “emilianizzata”, peraltro annunciato un mese fa in corsa proprio in una lista a sostegno dell’attuale presidente regionale, area Rosario Cusmai. E invece tornerà a correre per il centro-destra, cosa che aveva fatto già cinque anni fa con risultati non proprio soddisfacenti per un politico di vecchio corso che difficilmente ha mancato una competizione a qualunque livello, ma anche praticamente l’unico in grado di poter vantare incarichi dal Comune (presidente del Consiglio) alla Regione (consigliere di minoranza dal 2013 al 2015), passando per la Provincia (assessore). 

Intanto, con la visita di Michele Emiliano sabato mattina alla sede di Via Federico II, sono stati rimossi tutti gli ultimi dubbi per la candidatura di Antonio Tutolo in una delle liste (non si sa ancora quante di preciso) a sostegno del governatore che ha ribadito l’attenzione per Lucera. In realtà per l’ex sindaco le sue sorti elettorali sono molto legate alla collocazione in uno degli schieramenti in gara. Per lui ci sarebbe posto in “Con”, di diretta emanazione e ispirazione di Emiliano, ma avrebbe preferito altrove un inserimento che invece gli sarebbe stato negato. E’ evidente che la partita si gioca anche qui quorum, prima che sulla performance personali, con il rischio sempre verificato che l’elezione passa dalla lista “giusta” prima che dalla mole di voti ottenuti. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.