16/09/2020 20:44:38

Mi fanno lavorare senza guanti, si può?

Buon giorno dotto D’Apote,
sono un lavoratore della ditta… (omesso). Soffro di dermatite da contatto con allergia alla gomma. Tutto ciò certificato da struttura pubblica e portato a conoscenza in azienda al medico competente, il quale mi ha dato delle limitazioni e per lavorare ho bisogno di guanti anallergici.
Da circa due mesi in azienda mancano questi guanti.
Ho fatto più volte richiesta al mio responsabile, ma niente.
Cosa posso fare? 
Grazie.
(mail firmata)

Buongiorno,
dai pochi elementi disponibili dalla sua email si evince che lei potrebbe continuare la sua attività lavorativa se dotato di guanti anallergici.
Il datore di lavoro è stato infatti informato dal medico competente di tale problematica, e dovrebbe dotarla dei guanti, che peraltro hanno un costo di pochi euro.
Se a distanza di due mesi ciò non è avvenuto, potrei ritenere che il suo datore di lavoro ed il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza si stiano consultando, unitamente al medico, sui possibili rischi che la manipolazione di oggetti tramite i nuovi guanti in cotone possa comportare.
O, forse, che stiano cercano un tipo di guanto che pur essendo in cotone possa assicurarle gli stessi gradienti di protezione che il precedente DPI in gomma le assicurava.
Non posso infatti neanche immaginare che il suo datore di lavoro abbia volutamente ignorato la segnalazione del medico.
Se così fosse sarebbe una grave inadempienza dell’azienda.
Stante le limitazioni datele dal medico, lei non potrebbe lavorare nelle attuali condizioni.

Continuare a lavorare con la sua patologia, infatti, non fa altro che aggravarla, e, preso atto delle sue reiterate richieste all’azienda, le ricordo che lei può segnalare l’accaduto al suo RLS. Questi dovrà intervenire presso il datore di lavoro per invitarlo ad adempiere a ciò che il medico ha scritto nel certificato di idoneità alla mansione lavorativa svolta.
In caso di perdurare dell’inadempienza del datore di Lavoro, il Rappresentante può denunciare l’accaduto alla ASL - SPESAL competente, “senza subire pregiudizio” (cioè senza essere licenziato o richiamato) per tale segnalazione, ai sensi dell’art. 50 del D.Lgs. 81/08.
Se il suo RLS funziona, le risolverà il problema, anche perché nel caso lei volesse comprarsi i guanti da solo, non sarebbe possibile.

E’ bene ricordare inoltre, a Lei ed al suo RLS, che in materia di sicurezza sul lavoro, è possibile, a determinate condizioni, astenersi dalla prestazione lavorativa, a tutela della propria sicurezza.
Questo principio si chiama “diritto di resistenza”. In tal senso, può approfondire l’argomento leggendo alcuni precedenti articoli, come: “Senza DPI, posso rifiutarmi di lavorare?” e, sulla mancanza di guanti e ciò che può fare per lei il suo RLS: “Lavoro e dispositivi di sicurezza: un caso concreto”.

Infine, sarebbe interessante capire se la sua è una malattia professionale. In tal caso si aprirebbero scenari sul possibile risarcimento del danno biologico che sta subendo e che ha subito.
Lei dovrebbe però adempiere all’onere della prova, su di lei gravante, concernente la dimostrazione del nesso causale tra lo svolgimento dell’attività lavorativa e il danno subito.
Nel caso lei riuscisse a dimostrarlo, il datore di lavoro avrebbe invece l’onere di provare – a sua difesa - di avere adottato tutte le cautele necessarie per impedire il verificarsi del danno che lei avrebbe subito. (Cassazione, 9856/2002).

Le auguro di risolvere presto e bene la vicenda tramite il suo RLS.

Dott. Michele D’Apote

Per sottoporre domande per la rubrica “Lavoro & Sicurezza” scrivere a: dapote@luceraweb.it 
Per consulenze private si può contattare il dottor D’Apote al seguente indirizzo e-mail:  info@dapote.it


 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.