09/10/2020 08:53:15

Tutto sul contatore di luce e gas

Cos'è e a cosa serve il contatore di luce e gas? Questo è il momento ideale dell’anno per analizzarne tutti i dettagli, come aumentare la potenza, quali dati fornisce agli utenti e a chi spetta la lettura del contatore.
Il contatore è un dispositivo che consente di misurare i consumi di luce e gas: è quindi molto importante imparare a conoscere e usarlo così da avere un maggior controllo sui consumi e non rischiare di trovarsi brutte sorprese in bolletta. Fare l'autolettura del contatore può fornire un'indicazione chiara delle proprie abitudini di consumo e valutare eventualmente altre offerte gas che permettano di risparmiare sulla bolletta.

Il contatore è il punto dove l'energia elettrica o il gas vengono consegnati al consumatore per essere utilizzati nell'ambito domestico e permette di misurare il numero di kWh (kilowattora) per l'elettricità e di Smc (standard metro cubo) per il gas. Il contatore appartiene al distributore, ovvero la compagnia che ha il compito di fornire luce e gas nelle case, ed è sempre il distributore ad occuparsi della loro installazione e manutenzione. Se un contatore dovesse risultare guasto o malfunzionante, sarà compito del distributore provvedere alle opportune verifiche dell'apparecchio e della sostituzione dello stesso, laddove risultasse necessario.

Come funziona il contatore della luce
Il contatore della luce serve a calcolare il consumo elettrico di un'abitazione, misurandoli in Kwh (kilowattora). I contatori tradizionali di energia elettrica sono stati quasi tutti sostituiti nel tempo con i contatori elettronici. Questi nuovi modelli, a differenza dei vecchi contatori che segnalavano solo l'aumento del consumo, forniscono molte altre informazioni utili come: potenza istantanea assorbita; lettura dei consumi nelle fasce orarie; data e ora.
È il distributore che si occupa della lettura del contatore e ha il dovere per legge di effettuare un tentativo di lettura ogni 4 mesi per i contatori con potenza disponibile che non supera i 16,5 kW (ovvero quasi tutti i clienti domestici). 

Come aumentare la potenza del contatore dell'energia elettrica 
Anche la potenza del contatore viene calcolata in kWh e per scoprirla non bisogna fare altro che sfogliare una vecchia bolletta, alla voce “dati fornitura”. Qui vengono indicate sia la potenza contrattuale, sia quella disponibile, cioè il limite massimo di potenza che è possibile raggiungere in casa e che di solito è maggiore del 10% rispetto alla potenza contrattuale. Qualora si dovesse superare la soglia stabilita dell'energia disponibile, il contatore salterebbe e si sarebbe costretti a spegnere qualche dispositivo elettrico, prima di riattivare il contatore.

La potenza del contatore viene scelta liberamente dal consumatore, in base ai suoi consumi ed esigenze. Se la potenza non dovesse risultare adeguata per le proprie abitudini domestiche, è possibile richiederne un aumento. Per farlo, basta semplicemente contattare l'assistenza clienti del fornitore, allegando insieme alla richiesta i dati anagrafici dell'intestatario delle utenze, il codice cliente e il codice POD.

Il contatore del gas metano: cos'è e come funziona la lettura dei consumi
Il contatore del gas permette di misurare i consumi di gas di ogni utente domestico, e possono essere o di tipo tradizionale o elettronici. Mentre i vecchi contatori annotavano solo l'incremento del consumo, i nuovi modelli elettronici forniscono anche altre informazioni come il codice PDR, lo stato della valvola, la portata massima e la segnalazione di anomalie o problemi. Anche in questo caso la lettura del contatore elettronico del gas è affidata al distributore, che ha l'obbligo di effettuare un tentativo di lettura:

- almeno una volta l’anno per i clienti con consumi fino a 500 Smc/anno;
- almeno 2 volte l’anno, per i clienti con consumi superiori a 500 Smc/anno e fino a 1.500 Smc/anno;
- almeno 3 volte l’anno, per i clienti con consumi superiori a 1.500 Smc/anno e fino a 5.000 Smc/anno;
- almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5.000 Smc/anno.

f.g.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.