08/11/2020 15:17:45

Test rapidi di nuovo possibili

Nuova giravolta della Regione Puglia sui test antigenici, bloccati giovedì e riabilitati venerdì, con una ulteriore circolare emanata dal Dipartimento della Salute e destinata principalmente ai laboratori che non fanno parte della Rete Covid e e che finora avevano effettuazione prestazioni con i cosiddetti "tamponi rapidi", rivelatisi preziosi per l'emersione di numerose positività, specie a Lucera.
"E' possibile l’esecuzione strumentale di test antigenici rapidi su richiesta di soggetti privati e per esigenze non correlate a motivazioni cliniche o di salute pubblica da parte dei laboratori pubblici e privati ammessi a far parte della rete regionale - si legge del documento - mentre l’esecuzione del test antigenico rapido su card o con strumentazione tipo POCT potrà essere effettuato da parte di tutti i laboratori di patologia clinica autorizzati presenti sul territorio regionale. Essa può avvenire a condizione che il richiedente rilasci apposita autocertificazione circa l’esistenza delle motivazioni innanzi indicate. Il costo di quelli antigenici e la revisione di quello del tampone saranno indicati successivamente da apposita deliberazione della Giunta regionale". 
In caso di esito positivo del test antigenico, è confermato che il laboratorio debba immediatamente avvertire l’interessato, il suo medico di base e la Asl per l'attivazione della consueta procedura epidemiologica,a partire dalla prescrizione del test molecolare. 

Intanto, si aggiungono altri 13 i nuovi drive through per l’effettuazione dei tamponi anti covid a bordo delle automobili in Puglia, attivati in collaborazione tra la Protezione civile regionale, le Asl, l’Esercito Italiano e la Marina Militare. Si tratta delle postazioni mobili attrezzate con tende e gazebo dove i cittadini possono effettuare i tamponi in sicurezza nella propria auto - previa richiesta da parte delle Asl e successiva prenotazione - senza scendere dalle vetture. Le 13 postazioni si aggiungono alla rete già attiva a cura delle Asl.
In Capitanata ce ne saranno altre due a Foggia in via Protano (Camera di Commercio) e in Fiera, e una a Manfredonia.
In provincia di Taranto altre due nel capoluogo, una a Barletta, in Salento una a Nardo e l’altra a Taurisano, nel brindisino a San Pietro Vernotico, mentre nel barese sono in allestimento due alla Fiera del Levante, una a Grumo e l’altra a Conversano.
Saranno tutti attivati in concorso con le Asl competenti e gestiti da personale sanitario e logistico della Marina e dell’Esercito. L’operazione “Igea”, che prevede punti in tutto il territorio nazionale, è stata voluta dal ministro della Difesa ed attuata attraverso la regia del Comando Operativo Interforze, con l’impiego di 1.400 uomini appartenenti a tutte le forze armate. 

f.g.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0449s.