10/11/2020 08:20:01

Pitta restringe ancora la città

La pandemia dilaga e di conseguenza sale l’escalation di restrizioni che i sindaci varano sui rispettivi territori, finalizzate a limitare il contagio da Coronavirus.
A Lucera il sindaco Giuseppe Pitta ha varato un nuovo provvedimento sulla scia di quello precedente, disponendo altre indicazioni per quanto riguarda i comportamenti dei cittadini e gli adempimenti degli operatori economici, importanti da conoscere per evitare sanzioni.
E quindi, fino al 3 dicembre, dando seguito ai divieti nazionali di ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico, la nuova decisione ordina la chiusura e interdizione ai pedoni, dalle 18 alle 5 del giorno successivo, della Villa comunale e tutti i giardini e parchi pubblici, di Via Suburgale Castello, Viale Castello, Fortezza e aree limitrofe alla cinta muraria, e infine di Piazza Tribunali (area verde adiacente al Santuario di San Francesco).

Confermato anche il divieto di stazionamento delle persone, sempre nella stessa fascia oraria, anche in quasi tutto il centro storico, nell’area mercatale di Via Montello e nella zona antistante la stazione ferroviaria, sul piazzale e parcheggio antistanti la stazione ferroviaria “Lucera 2” (zona 167), nella zona antistante l’area verde di Via Foggia (fronte supermercato Conad) e Via Gaggioli (zona campo da basket).
Naturalmente viene sempre fatta salva la possibilità di attraversamento per l’accesso ed il deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti, ai presidi sanitari e ferroviari, alle abitazioni private e a qualunque altra attività. 
Chiusi totalmente tutti i parchi giochi comunali, mentre l’orario di apertura e funzionamento dei distributori automatici di alimenti e bevande è limitato dalle 5 alle 18. Confermato anche il divieto per l’intera giornata di consumare alimenti e bevande alcoliche ed analcoliche in luogo pubblico o aperto al pubblico. 

f.g. 

 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0469s.