31/12/2020 17:47:25

Come è stato il 2020 di Lucera e di Luceraweb

Insieme in un anno difficile. Luceraweb ha accompagnato voi lettori tra fatti e avvenimenti che nel 2020 si sono mescolati ai numeri e alle conseguenze dovuti alla diffusione del nuovo Coronavirus.
Sars-Cov-2 ha inciso pesantemente non soltanto nella vita delle persone ma anche nei media e nel mondo della comunicazione in generale. 
Evitando volutamente di pubblicare bollettini quotidiani, grafici, tabelle e proiezioni, Luceraweb ha privilegiato l’approfondimento, con interviste ad esperti e a chi il Covid lo combatte in corsia, da sanitario o da paziente, nonché ad alcuni rappresentanti di quelle attività commerciali o di servizi che hanno dovuto affrontare le ripercussioni economiche del Covid-19. 
Tant’è che l’articolo più letto del 2020, con 16.664 clic, è l’intervista all’infermiera lucerina che il 12 marzo raccontava: “Questo virus uccide con cattiveria”. Il secondo è di febbraio e titolava: “Coronavirus: anche a Lucera i primi accorgimenti” (16.381 letture). 
Seguono due eventi luttuosi che hanno molto colpito la comunità lucerina e non solo: la scomparsa di don Alessandro Clemente il 2 agosto e la morte per incidente stradale del giovane Luca Monteferrante nella notte tra il 19 e il 20 gennaio.
Coronavirus, il panico chiude i negozi” di febbraio (15.932 letture), “Nuovo caso Coronavirus a Lucera” di giugno (11.812) e “L’ematologo Santodirocco: ‘Il mio calvario col Covid’” (11.644) sono gli altri pezzi più letti tra quelli che trattano della pandemia a Lucera.
Tra i primi dieci articoli più cliccati ci sono anche quelli di cronaca con “Disagi per due lucerini dopo l’evasione a Foggia” (marzo) e “Fake Cars 2, ancora droga e armi” (giugno) e quelli riguardanti le elezioni con i “Primi risultati Comunali, Pitta in testa” (settembre, 10.901 clic), con il pomeriggio del 5 ottobre che ha fatto registrare oltre 500 utenti connessi contemporaneamente.
In questo anno dominato dall’incertezza, Luceraweb è stato sempre presente, con 4,5 milioni pagine visitate, oltre mezzo milione di utenti e 2,3 milioni sessioni di lettura. 
Un certificato di credibilità di cui dobbiamo ringraziare voi lettori, sempre attenti e pronti a segnalarci situazioni e fatti che riguardano il territorio, che sono la parte essenziale degli oltre 1.700 articoli pubblicati quest’anno. 
Un grazie sentito va ai nostri inserzionisti che, nonostante il momento complicato, hanno continuato a sostenere con la loro pubblicità l’informazione a Lucera. Nessuno si è tirato indietro, altri si sono aggiunti e anzi c’è pure chi è tornato.
Grazie ai nostri collaboratori delle rubriche, sempre più seguite e consultate: l’avvocato Antonio Dello Preite che ha il record del mese di luglio con un quesito su questioni di eredità familiari (quasi 7 mila letture), l’esperto di sicurezza sul lavoro Michele D’Apote, il diacono Michele Cuttano e don Leonardo Catalano, che curano le pagine di spiritualità, lo Studio Viola con le sue competenze su tutto il mondo dell’economia, fiscalità e finanziamenti alle imprese, Giovanni Viola con la sua suggestiva finestra sulla realtà virtuale e, infine, Maria Rosaria Ferrara che si occupa delle nostre pagine social.
Grazie a tutti voi che ci scegliete ogni giorno, alle oltre 14 mila persone che seguono la nostra pagina Facebook, alle circa 2.700 su Instagram. 
In attesa del 2021 che arriverà ad ore, vi auguriamo un anno sereno, nel segno della rinascita. Perché tanto è cambiato nelle vite di tutti e quindi nel racconto quotidiano. Perciò vi auguriamo che tutti torniate a sognare, a progettare il vostro domani partendo da un nuovo presente. Un presente che ci vuole più uniti come comunità che cammina insieme nella speranza. 

Red. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Video allegati:



Condividi con:

0,0313s.