29/12/2020 11:43:54

La Cgil attacca tutti sul personale

La Cgil Funzione pubblica torna all’attacco dell’Amministrazione Pitta, estendendo le sue critiche fino al 2014, e quindi tirando in ballo anche i due governi di Antonio Tutolo. La questione posta al centro è sempre il personale del Comune di Lucera, ormai ridotto ai minimi termini, con due terzi dei dipendenti in servizio rispetto alla pianta organica, cioè 112 lavoratori reali sui 183 teorici. E dal prossimo anno andrà anche peggio con alcuni annunciati pensionamenti. 

Dopo settimane di apparente silenzio, è tornato alla carica Mario La Vecchia, segretario provinciale del sindacato e dipendente proprio di Palazzo Mozzagrugno, il quale ha messo nel mirino la gestione del settore, ritenuta fallimentare.
“Sono passati due mesi dal colloquio avuto con il sindaco Giuseppe Pitta e l’assessore Alfonso Trivisonne - ha scritto in un comunicato - riguardo alla situazione della macchina amministrativa. Entrambi avevano preso degli impegni che, ad oggi, non sono stati onorati. Due mesi di assoluto e incomprensibile silenzio. Lucera aspetta risposte che non arrivano. Nel frattempo la macchina amministrativa continua a essere pesantemente sotto organico e non è soltanto un problema di numeri, ma anche e soprattutto di funzioni e ruoli specifici, da cui dipendono l’erogazione e l’efficienza dei servizi ai cittadini. Allo stato attuale, ci sono soltanto 2 dirigenti su 5; 9 funzionari sui 33 necessari; 25 istruttori sui 65 previsti. E dei 112 lavoratori soltanto 49 sono a tempo pieno, gli altri hanno contratti part-time”.

Di quanto la situazione sia drammatica nelle ultime settimane se ne sono accorti anche diversi neo consiglieri comunali, i quali non conoscevano i meccanismi a Corso Garibaldi, e hanno dovuto toccare con mano l’immobilismo amministrativo, e vedere con gli occhi molte stanze vuote, situazione aggravata dall’emergenza Coronavirus che ha comportato alcune quarantene tra il personale contagiato e altri ripiegati nello smart working. 

La Vecchia, che ha il fratello Raffaele consigliere di maggioranza, ha riconfermato le sue critiche anche sulle ventilate intenzioni di esternalizzare alcuni servizi: “Non è una misura accettabile, perché il privato deve guadagnare e quel guadagno, per forza di cose, è un costo che ricadrà sia sui cittadini in termini di tasse e qualità dei servizi sia sui lavoratori, chiamati a ovviare a carenze strutturali con un inquadramento contrattuale al ribasso. Non erano questi i patti”.
E infine ha affondato la lama nei problemi e nelle mancate soluzioni richieste, prospettando di adottare “ogni azione utile per ricevere risposte concrete", e chiamando in causa gli amministratori con nomi e cognomi. "Lo stato di dissesto non è una scusante valida per lasciare tutto com’è - ha aggiunto La Vecchia - perchè negli ultimi 6 anni, prima a Tutolo e poi a Pitta lo Stato ha dato la possibilità di assumere almeno 20 unità. Non sappiamo perché quella possibilità non sia stata utilizzata, così come non è dato sapere quali intenzioni abbia la nuova Giunta riguardo a questo enorme problema. A novembre 2019, avevamo firmato una pre-intesa per l’applicazione di un nuovo accordo contrattuale. Da mesi, prima la Giunta Tutolo poi quella dell’attuale sindaco avrebbero dovuto autorizzare i dirigenti per procedere alla sottoscrizione definitiva, ma nulla di tutto questo è accaduto. È passato oltre un anno ed era lecito aspettarsi che, dopo due mesi dalla nomina della giunta, Pitta e Trivisonne si mettessero al lavoro su queste problematiche, ma ad oggi non è stato fatto alcun passo in avanti, anzi. Peraltro l’assessore non ha ancora sentito né il dovere né la necessità di presentarsi in qualche modo a dirigenti e dipendenti comunali, nemmeno attraverso una comunicazione o una nota d’intenti. Occorre prendere decisioni concrete e avere la capacità di intervenire in modo efficiente e celere. Abbiamo evidenziato i problemi, avanzato delle richieste e presentato proposte: sindaco e giunta cosa intendono fare?”.

Riccardo Zingaro

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.