26/03/2021 08:15:40

Come scegliere un telaio serigrafico

Stampare utilizzando la serigrafia richiede il possesso di conoscenze e strumenti specifici come, ad esempio, il telaio serigrafico professionale. Questo supporto difatti è uno dei tasselli più rilevanti in grado di fare una profonda differenza tra un risultato finale di successo e uno da scartare. Scegliere il corretto attrezzo allora diviene una priorità soprattutto quando si vuole utilizzare lo stesso per fini di business.
La stampa serigrafica è un’attività oggi molto richiesta alle tipografie sia dai privati che dalle aziende. Naturalmente, per assicurare un livello di servizio elevato e, soprattutto, ottenere la fidelizzazione del cliente, è necessario avvalersi della migliore strumentazione, oltre che di un procedimento di lavoro efficiente e professionale. 
L’aspetto più importante a cui prestare attenzione è quindi collegato alla scelta del telaio serigrafico più adatto alle proprie necessità: questo strumento, infatti, è senza dubbio quello da cui dipende maggiormente la qualità del risultato finale.
Risulterà allora determinante puntare su
telai serigrafici di ottima fattura, affidandosi a realtà di riferimento del settore, come per esempio Tesascreen, azienda in grado di fornire prodotti dei principali brand e, al tempo stesso, creazioni su misura con cui soddisfare ogni genere di esigenza tipografica.

Le caratteristiche principali del telaio serigrafico 
Il telaio serigrafico è un supporto che si compone di un quadro di diverso formato a seconda delle necessità di stampa. La base può essere costituita da diversi materiali, ma generalmente è in legno oppure in metallo, e costituisce l’àncora a cui viene poi fissato un tessuto microforato appositamente progettato per la stampa serigrafica.
Da questo punto di vista, allora, si può affermare che il telaio è una cornice che permette l’avvio dell’intero procedimento di fissaggio del colore. È prioritario scegliere quadri che siano progettati secondo precisi criteri. I supporti, difatti, devono essere al tempo stesso estremamente leggeri, ma comunque resistenti per durare a lungo.
La superficie, inoltre, deve essere piana, così da non dare luogo a irregolarità che potrebbero compromettere il risultato finale e la qualità della stampa. Una particolarità è poi dettata dal fatto che, se ben scelto, il telaio presenta le caratteristiche essenziali per poter essere recuperato. In questo senso, se la tela risulta in buone condizioni e si ha comunque già esaurito la produzione, è possibile effettuare il recupero della matrice di quello specifico telaio.

Gli aspetti da valutare in fase di scelta 
Dopo aver compreso il funzionamento e l’impiego di un telaio serigrafico, è importante valutare gli elementi che possono influire sulla scelta dello strumento più adatto al lavoro che si deve svolgere.
Un aspetto che è bene puntualizzare è che la selezione dei telai deve avvenire sulla base del formato del disegno che si deve stampare. A grandezze differenti infatti corrispondono sempre supporti per la stampa più o meno grandi.
Insieme alle caratteristiche quali leggerezza e resistenza, è quindi necessario valutare il telaio in associazione a quelle che saranno le specifiche di stampa. In questo modo si ottiene la garanzia di potersi avvalere di un supporto valido che sostiene lo svolgimento dell’attività.
Inoltre, è importante che lo strumento consenta di mettere in tensione la maglia che viene posizionata al di sopra della struttura. In ultima analisi poi per ottenere i migliori risultati è necessario effettuare l’acquisto sulla base delle peculiarità della macchina da stampa. A queste si combinano infine anche le esigenze di archiviazione e la propensione all’uso di supporti di metallo o in legno.

f.g.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.