01/04/2021 08:45:59

Nuovi computer per l’Usca di Lucera

Esattamente due mesi fa anche la sede ex Inam di Lucera è finita nel mirino di un ladro che in quei giorni aveva messo a segno diversi colpi. In Via Trento in particolare, dopo la solita devastazione registrata anche altrove, sparirono due pc e un portatile in uso ai medici dell’Usca. 
L’episodio fece montare l’indignazione, solo parzialmente mitigata ieri mattina quando il Comitato “Io sto con il Lastaria” ha donato due postazioni informatiche “a nome di tutta la cittadinanza, per ripristinare la giusta immagine della comunità della città di Lucera”.
Alla cerimonia sono intervenuti Vito Piazzolla, direttore generale dell’Asl Foggia, e Vincenzo Scarano e Donato Colanardi in rappresentanza del Comitato, e in collegamento video su Facebook Vito De Girolamo e la dottoressa Raffella Olivieri.

“Con questo dono – ha spiegato Scarano - abbiamo voluto restituire quanto era stato illecitamente sottratto, sia per ridare dignità alla città di Lucera che per ringraziare simbolicamente la Asl e i giovani dottori dell’Usca per il lavoro quotidiano che stanno facendo”.
“Questa occasione – ha aggiunto Piazzolla - ha in sé, oltre al valore concreto del dono, anche una forte valenza simbolica. È infatti un gesto che mostra tutta la dignità di una comunità che stigmatizza il vile atto compiuto e riconosce il lavoro fatto dalle nostre Usca sul territorio. Un piccolo esercito di 138 giovani medici che stanno svolgendo un ruolo importante nella rete di contrasto alla pandemia
.

La mattina del furto, nonostante l’amara scoperta, i medici hanno dimostrato di essere capaci di superare questi disagi con professionalità, si sono rimboccati le maniche ed hanno svolto regolarmente il loro lavoro, assicurando alla comunità le dovute cure. A loro e a tutti i gli operatori della Asl va il mio, personale, ringraziamento”.

f.g.

Vedi anche: Al Lastaria 80 mila euro di donazioni

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.