02/04/2021 09:15:41

Record di contagi battuto a Lucera

Nel giorno in cui la Puglia ha fatto registrare il proprio record assoluto di contagi in sole 24 ore (2.369, il 10% del computo nazionale), Lucera si è drammaticamente adeguata. Sono stati 102 i tamponi positivi registrati solo ieri (circa il 20% della provincia) tra i cittadini residenti, e nell’ultima settimana raggiungono quota 473. Il totale attuale è invece 564, a fronte di 1.575 negativizzati. I decessi sono invece 64.
Con questa “performance” epidemiologica dei contagi, sarebbe possibile inserire Lucera ai vertici di una ipotetica classifica nazionale dei comuni con il maggiore Rt del periodo, primato di cui si farebbe volentieri a meno. E invece sono numeri che evidenziano una cittadinanza non eccessivamente preoccupata, percezione confermata dalla quantità di persone che in qualunque orario affolla luoghi pubblici, in particolare la Villa comunale dove vengono violate anche disposizioni impartite da diverse settimane, come il divieto di utilizzo del Pattinaggio e dell’area attrezzata che sorge accanto. 
Naturalmente non manca la disputa sui controlli più o meno efficaci, ma resta il dato certo di una scarsa capacità di adeguamento alle più basilari regole comportamentali che un anno di pandemia avrebbe dovuto insegnare.

A ogni modo, questa situazione tutta locale ricade pesantemente anche sulla già imminente riapertura delle scuole fino alla prima media, decisa dal Governo Draghi che ha tagliato fuori eventuali provvedimenti restrittivi da parte delle Regioni con il decreto approvato mercoledì scorso. L’unico spiraglio viene dettato dalla espressione “salvo condizioni di particolare gravità”, specie se legate alla diffusione delle varianti e non più specificatamente a quella dei contagi veri e propri, numericamente altissimi a Lucera. 
In questo contesto il problema non è tanto porre la legittima domanda di sapere chi e come dovrebbe e potrebbe intervenire, ma soprattutto capire chi dovrebbe e potrebbe rispondere al quesito che comincia a girare insistentemente fuori e dentro la chat dei genitori. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.