09/04/2021 13:29:30

Positivi sempre sopra i 600 a Lucera

Le persone attualmente positive a Lucera sono 659. Un dato che dovrebbe far intendere che c’è un calo sensibile rispetto al 2 aprile, quando si è toccato il record di 698. In realtà i numeri risentono dell’aumento dei negativizzati che è passato da 1637 a 1736, quindi 99 in meno da conteggiare.  
Tra esse, purtroppo, figura anche un sacerdote, con due suoi confratelli posti in isolamento. Pochi giorni prima il virus era entrato in un’altra struttura religiosa. Perché il Sars-cov-2, con le sue varianti, qualora ci fosse bisogno di ricordarlo, non fa distinzioni di alcun tipo. 
Il sindaco Giuseppe Pitta pochi giorni fa davanti alle telecamere aveva paragonato la situazione epidemiologica lucerina a quella di Codogno e per questo ha inasprito la zona rossa con ulteriori provvedimenti mal digeriti da molti commercianti ed esercenti, provati da un anno di chiusure forzate e limitazioni. 
Tuttavia, nonostante la sofferenza di molte categorie e gli innumerevoli risvolti economici e sociali, i cittadini continuano a lamentarsi di gente in giro poco rispettosa delle regole di contenimento del contagio.
Eppure i controlli sono stati rafforzati e sono stati intercettati anche alcuni positivi che avevano violato la quarantena. L’insofferenza verso i continui divieti imposti dalle autorità e il menefreghismo di alcuni sta raggiungendo apici mai visti prima.
Il pericolo che si vada verso disordini sociali è quanto mai reale. E, nonostante al palasport di Lucera sia ormai tutto pronto per l'avvio di lunedì della nuova campagna, la colpevole lentezza con cui vengono somministrati i vaccini non solo è intollerabile, ma aggrava la situazione. Specie se paragonata a quella di altri Paesi, come Israele, dove praticamente la vita sta ricominciando, seppure con le opportune precauzioni. 

 e.g.
 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.