18/04/2021 22:19:07

Minoranza contro Pitta e Di Carlo

I consiglieri comunali di minoranza si scagliano contro il sindaco Giuseppe Pitta e soprattutto contro il presidente dell’assemblea Pietro Di Carlo, accusato di ritardi inaccettabili sulle procedura per la convocazione urgente di una seduta, richiesta da tutti i nove membri dell’opposizione già da mercoledì scorso. 
Il tema, neanche a dirlo, è la gestione della pandemia a Lucera sotto diversi punti di vista: sanitario, economico, sociale e vaccinale.
In realtà si saprà già quali saranno le principali critiche mosse all’Amministrazione in carica, partendo dalla carenza di dati epidemiologici e passando per il facile e inutile ricorso alle ordinanze restrittive, oltre all’organizzazione logistica generale. 

Di Carlo ha convocato la conferenza dei capigruppo per lunedì sera, quando potrebbe essere decisa la data del Consiglio, ma i cinque giorni già trascorsi sono ritenuti un lasso di tempo che denota un “comportamento assunto in pieno dispregio del ruolo rivestito dai consiglieri comunali e dallo stesso  Consiglio – si legge in una nota congiunta - evidenziando in modo palese la sottovalutazione della grave situazione esistente nella città. Di Carlo è più attento alle dinamiche interne delle forze di maggioranza, - le cui recenti vicende che hanno investito il sindaco evidentemente hanno creato non pochi problemi, che ai reali bisogni dei cittadini e alla necessità di un esame e di assunzioni di determinazioni condivise da parte dell’assise comunale. Stigmatizziamo e deploriamo la sua tattica dilatoria, trincerandosi dietro cavilli burocratici e indisponibilità della dirigenza, perché è stato ed è sordo alla iniziativa intrapresa e conferma quanto da sempre da noi denunciato circa il ruolo di garanzia e di super partes che un Presidente deve tenere nello svolgimento del ruolo assegnato”.

La minoranza lamenta mancanza di rispetto indirettamente nei confronti della cittadinanza “che in questo momento non ha certo bisogno di inutili formalismi, di sgambetti e giochetti tra forze politiche contrapposte, di tentativi di frustrare le iniziative della opposizione, bensì di risposte e, soprattutto, di sentire forte e viva la presenza dei propri rappresentanti istituzionali, del tutto inesistente da parte della maggioranza caratterizzata da disinteresse e superficialità con cui sta affrontando la difficile situazione pandemica. La salute, gli interessi dei cittadini, la salvaguardia e la tutela delle categorie economiche vengono prima dei giochi di palazzo e delle beghe interne”. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.