04/05/2021 07:30:41

Dallo shaker alla Padella: Screwdriver e pasta al burro

Il termine inglese “screwdriver” significa cacciavite ed è intorno al nome del noto utensile che vanno ricercate le origini del drink.
Secondo una teoria piuttosto verosimile, nella seconda metà del secolo scorso i tecnici che lavoravano nel Golfo Persico nell’ambito dell’estrazione del petrolio solevano bere Vodka con succo di arancia e per miscelare la bevanda usavano ciò che avevano più a portata di mano, e cioè dei cacciaviti.
Lo Screwdriver è il drink preferito del trafficante Ordell Robbie, interpretato da Samuel Jackson, nel film “Jackie Brown” diretto da Quentin Tarantino.
Versare gli ingredienti nel bicchiere con ghiaccio e mescolare delicatamente, utilizzando un bicchiere highball o tumbler basso. Questa è la ricetta:
1 e 3/4 oz Vodka
3 e 1/4 oz succo di arancia
Guarnire con fettina d’arancia.
Anche questa preparazione è sicuramente possibile da replicare a casa ed è proprio questo che vogliamo, non è un abbinamento con la pietanza di Valentino, ma sarà un drink fresco da sorseggiare mentre aspetteremo che la pasta sia pronta. Perché oggi nella cucina di Valentino prepareremo la Pasta al burro.

Francesco Loconte

PASTA AL BURRO 
Ricetta antica per due persone:
pentola piena con acqua della diga di Occhito. Sale grosso di Margherita di Savoia a sentimento.
Pasta 250 grammi: 160 per due persone e i restanti 90 grammi da usare per vedere se è cotta!!!
Piatto: utilizzo di spaso o copputo del servizio della Nonna a seconda del sentimento di burro. 
Per piatto “spaso” si intende un piatto piano con i bordi leggermente sollevati, il copputo è quello con il bordo alto 2 cm e devono avere i ricami a fiori rossi o blu classici degli anni 30.
Formaggio parmigiano: se volete.
Burro: quantità al sentimento copioso, unito all’egoismo verso i valori di colesterolo. E stavolta non è a km zero ma a tempo 5 minuti.
Partendo dalla panna fresca non zuccherata, dovete semplicemente montare la panna, aggiungerne del sale con sentimento abbondante, e continuare a lavorare di frusta per smontarla. Otterrete il latticello con il quale tenere umida la nostra pasta e del profumatissimo burro.
Prendetene un pezzetto, mettetelo nella pasta, giratela con sentimento e poi ditemi cosa ne pensate…

Valentino De Troia

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Video allegati:



Condividi con:

0,0156s.