15/05/2021 11:25:20

Recovery Plan falso problema lucerino

Se è pur vero che per mettersi anche la medaglietta della presenza nel Recovery Plan era sufficiente scrivere una paginetta con un progetto solo abbozzato e non meglio specificato, è altrettanto vero che attorno a questa vicenda si sta sviluppando l’ennesimo festival del non senso.
C’è chi dice che l’Amministrazione Pitta non si sia fatta trovare pronta e lancia pesanti accuse, mentre nelle ultime ore da Palazzo Mozzagrugno hanno tirato fuori la lista che assomiglia più che altro a una raccolta di figurine di un album cittadino. Tuttavia la realtà è ben altra, visto che la polemica sorta attorno alla programmazione nazionale da sottoporre a Bruxelles è tipica di quando si riesce a guardare il dito sottovalutando la maggiore importanza della luna, come se Lucera debba essere presente dappertutto e a prescindere. Giusto per. 
E così succede che in questo caso la luna diventa la mole di progetti, finanziamenti e iniziative che le due passate Amministrazioni Tutolo e l’attuale con Giuseppe Pitta si vantano di aver redatto, ottenuto e avviato, con decine di milioni di euro (50? 60? 70?, Non si contano più) intercettati da svariate fonti, tutti analiticamente riportati in manifesti, comunicati e materiale elettorale.
Invece il vero problema dei lucerini è vederli gli effetti di questa intensa attività, perché è fin troppo facile affermare che per la città sarebbe sufficiente cominciare ad assistere concretamente agli effetti benefici di una tale ricaduta di fondi, con interventi strutturali che dovrebbero (per ora siamo ancora alle promesse) cambiare il volto di parecchie zone e con risvolti positivi nel settore commerciale, artigianale, edilizio, urbanistico, turistico, ambientale e perfino scolastico.
Sarebbe altrettanto facile fare l’elenco dei cantieri rimasti a metà, di quelli nemmeno partiti, di quelli fermi per un cavillo o per un capriccio. Nel frattempo i cittadini non attendono più nulla, visto che "Ripresa e Resilienza" li attuano da soli, e in effetti hanno mostrato di essere più interessati a un altro Recovery, visto che l’unico possibile in questo periodo a Lucera è (almeno e purtroppo) solo quello ospedaliero. 

r.z.

Le progettualità presentate dall'Amministrazione Pitta, in ordine di valore economico: 
1. Consolidamento e sistemazione idrogeologica del versante collinare (17.000.000 euro);
2. Valorizzazione della Fortezza Svevo – Angioina e progettazione di una campagna di scavi archeologici all'interno della stessa (10.114.089 euro);
3. Sistemazione del versante collinare del “Monte Sacro” finalizzato all'ampliamento del Cimitero comunale (7.500.000 euro);
4. Realizzazione dell'Arena per gli spettacoli - Anfiteatro Romano (5.000.000 euro);
5. Miglioramento ed efficienza energetica del Palazzo di Giustizia (4.650.000 euro);
6. Valorizzazione del giardino storico pensile del Palazzo di Città “Famiglia Mozzagrugno” (3.250.000 euro);
7. Collegamento ciclabile tra la zona 167 e la Villa Comunale (1.500.000 euro);
8. Rete Ecologica Regionale – Interventi per la fruizione degli spazi verdi nel versante collinare della Fortezza Svevo-Angioina e nella Villa Comunale (1.300.000 euro);
9. Vivere lo spazio urbano – realizzazione di un'area verde attrezzata tra Viale Scarano e Viale Europa (1.250.000 euro);
10. Riqualificazione, sistemazione architettonica ed arredo urbano delle strade e piazze del centro storico - Piazza e Vico San Giovanni, Vico Mores, Via Mozzagrugno (1.200.000 euro);
11. Adeguamento sismico della scuola “ex Gil” (980.000 euro);
12. Demolizione e ricostruzione della palestra annessa alla Scuola Primaria “U. Bozzini” (725.000 euro);
13. Health neighborhood – Sanità di vicinato – Telemedicina (700.000 euro);
14. Miglioramento dell’efficienza energetica del Palazzo di Città – Famiglia Mozzagrugno (650.000 euro);
15. Conservazione e valorizzazione dei beni culturali per il recupero degli scavi archeologici della Piazza delle Terme Romane (470.000 euro);
16. Miglioramento dell'efficienza energetica della Biblioteca e Pinacoteca Comunale (300.000 euro);
17. Digitalizzazione e messa in rete del patrimonio culturale della Biblioteca e Pinacoteca comunale (250.000 euro);
18. Miglioramento dell'efficienza energetica del Teatro Comunale “Giuseppe Garibaldi” (250.000 euro);
19. Riqualificazione della piazzetta “Mario Sansone” (230.000 euro);
20. Riqualificazione della piazzetta del “Rione Curato” (200.000 euro);
21. Digitalizzazione degli archivi e servizi all'utenza (200.000 euro).

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.