21/05/2021 18:48:35

Nuovo prefetto, stessi obiettivi

Dopo due anni cambia il prefetto di Foggia. A Raffaele Grassi, destinato a Padovva, subentra Carmine Esposito, al suo primo mandato del genere, visto che arriva da capo della Questura di Roma, dopo aver guidato anche quelle di Trapani, Brescia e Bari.
Campano di origine, 64 anni, come Grassi arriva quindi dai quadri della polizia, visto che anche il suo predecessore aveva prima assunto incarichi riguardanti la gestione del territorio per l’ordine pubblico.
Questa provenienza è indicativa di come il Governo consideri la Capitanata, terra marchiata dai fenomeni criminali dilaganti, senza contare che proprio il prefetto uscente è stato autore di almeno una quarantina di interdittive antimafia nei confronti di soggetti privati operanti in provincia. 
La carriera del neo prefetto è ultra trentennale, negli anni 90 da investigatore del Centro interprovinciale Criminalpol di Napoli ha portato a termine l’arresto di Rosetta Cutolo, sorella del latitante capo della Nuova camorra organizzata, ma anche di esponenti del clan La Torre nel casertano. 

Esposito avrà anche il delicato compito di coordinare e concludere i lavori della commissione di accesso al Comune di Foggia, peraltro caratterizzato da una raffica di arresti per reati contro la pubblica amministrazione. 

Red. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0469s.