16/07/2021 08:10:50

La differenza tra una partita e una processione

A proposito dell'articolo sulle Feste patronali, qualcuno spieghi al Vescovo che almeno le manifestazioni all'aperto (vedi processioni) potrebbero essere organizzate, soprattutto in considerazione del buon numero di vaccinazioni effettuate. E' anacronistico vedere gente nei bar, pub e stadi a festeggiare i risultati della Nazionale, e non i fedeli a seguire le processioni.
Cordialità
Francesco Pellegrino

Lei rilancia su una questione molto delicata, dibattuta e che molto difficilmente troverà tutti d’accordo, nonostante manchi un mese esatto all'appuntamento. Con la sue breve lettera lei si fa in un certo senso il portavoce di un sentimento generale che vede molte contraddizioni nella gestione delle regole anti pandemia e che oggi vuole tornare il prima possibile a manifestazioni di giubilo e devozione senza troppe restrizioni. 
Questo tuttavia non deve far confondere ruoli e contesti, o magari far perdere di vista che ci sono delle responsabilità da prendere e una sicurezza da garantire. E sebbene le violazioni siano ormai dilaganti, specie se si parla di calcio o ricettività, bene fa il vescovo a tenere la barra dritta su tutte le situazioni che possono creare problemi come le processioni, peraltro concordate a livello regionale, ricordando che a una processione il popolo partecipa e non semplicemente assiste. Se poi monsignor Giuliano non avesse aggiunto quest’anno ulteriori e non meglio spiegati impedimenti, siamo certi che i lucerini avrebbero compreso meglio la circostanza, così come hanno fatto finora, anche perché da sempre consapevoli che Santa Maria Patrona veglia sulla città tutto l’anno, per cui ogni giorno è buono per onorarla e soprattutto ringraziarla. (r.z.)

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.