26/09/2021 18:50:36

Primi passi di una mobilitazione provinciale

Era proveniente soprattutto da Lucera e San Severo, città di origine degli organizzatori Antonio Tutolo e Nazario Tricarico, la maggior parte delle persone che stamattina ha preso parte alla manifestazione “SS16 Day – La Provincia di Foggia alza la testa”. I due lunghi serpentoni di automobili, partiti dai rispettivi centri, sono confluiti con un tempismo praticamente perfetto all’incrocio dello Scalo di Rignano, nell’area dell’ex zuccherificio, dove si sono concretizzate le iniziative delle ultime settimane di proteste e richieste di maggiore attenzione nei confronti delle tante questioni riguardanti la Capitanata.
Proprio sotto il cavalcavia è stata piantata una croce di legno “in memoria di tutti morti di burocrazia”. Lì è stato collocato un mazzo di fiori ed è stato rispettato un minuto di silenzio per le vittime di quella strada. 

Primi chilometri, quindi, che coincidono con i primi passi di un percorso che i promotori, sostenuti dalla presenza di una manciata di sindaci (San Severo, Castelnuovo, Alberona, Apricena, Bovino, Celle e Roseto), dall’assessore regionale Rosa Barone e dalla deputata Carla Giuliano, intendono fare con il supporto della popolazione per cercare di risolvere problemi noti e gravi, che partono dal contrasto alla criminalità e spaziano da lavoro alle infrastrutture, dalla viabilità al turismo, dalla sanità alla tutela dell’ambiente e delle persone più deboli. 

“La giornata di oggi – ha commentato Tutolo - rappresenta l’inizio di una presa di coscienza da parte dei cittadini di Capitanata di possedere delle enormi potenzialità a cui deve essere data la possibilità di esprimersi. Il Prnn è fondamentale in questo momento storico e pertanto vogliamo sapere quali saranno le opere che saranno realizzate, poiché ad oggi nessuno lo sa, se saranno risolti i problemi annosi che abbiamo. Per esempio, la questione dell’acqua destinata all’agricoltura verrà affrontato seriamente? I temi sono tanti e considero questa manifestazione un primo passo importante”.
“Sono contento – ha aggiunto Tricarico – perché è stata una giornata in cui si sono evidenziate diverse novità positive. Anzitutto che la gente di Capitanata reagisce, si lascia coinvolgere e ci mette la faccia, perché è stanca e oggi ha lanciato un messaggio chiaro alle istituzioni. Lo Stato deve capire che questa provincia, sempre agli ultimi posti delle classifiche, necessita di un piano specifico di resilienza. Però bisogna partire da un presupposto: unirci a livello territoriale. Pertanto mi rivolgo ai sindaci, ai consiglieri regionali e ai parlamentari della provincia di Foggia perché serve un tavolo unico e un documento unico”. 

Da qui, la traccia della prosecuzione dell’iniziativa: “Nei prossimi giorni chiederò un incontro a tutti i sindaci e poi a tutti i parlamentari del territorio – ha annunciato Tutolo - per rappresentare loro i problemi e le nostre richieste per la Provincia di Foggia”. 

r.z.

  • 1/6
  • 2/6
  • 3/6
  • 4/6
  • 5/6
  • 6/6

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.