14/10/2021 17:19:16

Osservazioni sui loculi (quasi) terminati

Spett.le Redazione, 
in riferimento al vostro articolo del 7 ottobre, mi sia consentito considerare alcuni aspetti inerenti l'argomento. La mortalità nella nostra città vede un numero di decessi medio annuo di circa 400 persone, dato degli ultimi 15 anni (escluso il 2020, anno della pandemia). A fronte di questo dato, si consideri che il 10% circa (ovvero 40/45 decessi) non dispongono di loculi o sepolture da utilizzare. In questi casi il Comune deve disporre di posti salma da assegnare a chi non ne è dotato.
L'Ente detiene un patrimonio cimiteriale costituito da alcune centinaia di loculi che, nel corso degli ultimi decenni, sono stati assegnati con concessioni di 25 anni, e di circa 200 fosse per inumazioni con concessione a 10 anni. La legge regionale n.342008 stabilisce la pratica delle "esumazioni" ed "estumulazioni" che possono essere eseguite in ogni periodo dell'anno. Con questo sistema di "rotazione", si libererebbe un numero sufficiente di posti salma (fosse e loculi) tale da garantire la disponibilità immediata ed uscire dall'emergenza. 
Sarebbe opportuno, inoltre, guardare al futuro preparando la cittadinanza alla pratica della "cremazione", unica soluzione di civiltà per ridurre le sepolture. Per avviarsi su questa strada l'Ente dovrebbe iniziare una campagna di sensibilizzazione della cittadinanza, azzerando i costi per gli utenti (es. diritti di tumulazione € 150, trasporto al Tempio Crematorio di Foggia € 450 circa). Con opportune convenzioni con le imprese funebri della nostra città e con la struttura crematoria si può raggiungere (negli anni) una sensibile riduzione delle tumulazioni, con conseguenti benefici economici sia per i privati che per il Comune. Molti cittadini non sanno, ad esempio, che la stessa legge regionale prevede, in caso di cremazione, la facoltà ai familiari di ricevere in affidamento i resti dei propri defunti, previa dichiarazione all'Ufficiale dello Stato Civile della destinazione dell'urna cineraria. Grazie
S.D.T.

 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.