14/10/2021 10:59:11

Davide Colucci contro il Pd nazionale

C’è un risvolto politico tutto locale sulla tanto dibattuta gestione del Green Pass a livello nazionale, soprattutto da parte del Partito Democratico e dei maggiori sindacati conferederali.
In aperto dissenso con la linea dettata dai rispettivi segretari italiani, anche in ambito governativo, Davide Colucci questa mattina ha annunciato la sua fuoriuscita dal Pd, dichiarandosi indipendente.
“E’ una decisione definitiva e soprattutto urgente per quanto visto e sentito negli ultimi giorni – ha scritto in un post su Facebook – ma sono posizioni che ritengo inaccettabili e per le quali è impellente da parte mia prenderne subito le nette distanze”.
In realtà la sua iniziativa non è affatto sorprendente, almeno a giudicare l’andamento della sua bacheca social delle ultime settimane, con atteggiamenti chiaramente contrari sull’obbligo di munirsi della documentazione necessaria per accedere in tutti i luoghi pubblici e privati.
Dal punto di vista istituzionale, si è scusato con il Consiglio comunale per l’irritualità della comunicazione non manifestata prima in aula, e ha rivolto un pensiero ai suoi due ormai ex colleghi di partito, Antonio Dell’Aquila e Fabrizio Abate, rimasti a detenere la bandiera del Pd, assieme al segretario cittadino Ernesto Giannetta che pare sapesse già tutto prima della decisione ufficiale. 
“Non dimentico naturalmente i miei elettori – ha concluso Colucci - ai quali chiedo di comprendere questa mia sofferta decisione che andavo maturando da diverse settimane”.
Dopo alcune ore, la presa di posizione ha suscitato grande apprezzamento sui social, con molti che gli hanno riconosciuto la coerenza personale, prima che la sterile appartenenza politica.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.