10/11/2021 07:41:03

Il grande fermento dell’edilizia lucerina

La pianificazione urbanistica a Lucera, specie nel settore prettamente edilizio, sta mostrando progressi da qualche anno a questa parte. Non con grande grande velocità, ma sicuramente con costanza, almeno a giudicare dai cantieri che stanno sorgendo in vari luoghi della città, mentre altri sono pronti per partire e già programmati sulla carta.
Uno degli strumenti del Pug, approvato nel 2016, che sta avendo grande successo è quello dei cosiddetti “Comparti”, vale a dire dei veri e propri mini quartieri che prevedono come condizione principale l’accordo di almeno la metà dei proprietari terrieri su cui va destinato l’intervento per riqualificare una zona degradata della città. 
Il fronte più caldo al momento è l’ambito di intervento adiacente a Viale Ferrovia, promosso dalla famiglia Fortunato che ha dichiarato la disponibilità del 53,29% dell’area interessata, ma prima di questo è già in fase avanzata quella della famiglia Maffia che con le palazzine realizzate in Via Grieco ha sostanzialmente aperto la strada a tutti gli altri, e subito dopo in coda ci sarebbe un altro in zona Santa Lucia della famiglia Olivieri.
“La nostra intenzione era certamente commerciale ma anche quella di riqualificare una zona di oltre due ettari – ha confermato Massimo Maffia, responsabile dell’omonima impresa – con arredo urbano e servizi adeguati al contesto in cui stiamo edificando i fabbricati. Dobbiamo ammettere che la nostra visione ampia e a lungo termine ci sta premiando, perché le richieste di abitazioni sono state già molte, magari favorite dalla capacità di riuscire a tenere i prezzi bassi, garantendo un ottimo rapporto con la qualità che offriamo, naturalmente con un approccio molto spinto, e spesso anticipato, verso le nuove e doverose politiche ‘green’. Addirittura abbiamo venduto alcuni appartamenti solo sulla carta, nonostante le difficoltà dell’aumento dei costi delle materie prime”.

A ridosso dell’area mercatale, nel triangolo tra Viale Ferrovia, Via Montesanto e Via Montello, le procedure sono in fase avanzata ma non ancora concluse, con la previsione della realizzazione di insediamenti residenziali e anche di una struttura dedicata alla grande distribuzione, quasi certamente del marchio Eurospin. 
Ma in questo contesto è tutto il mercato immobiliare lucerino che sta mostrando un’evidente vivacità, determinata da più fattori legate a contesti economici, sociali, logistici e soprattutto urbanistici.
“Per analizzare la situazione bisogna partire da una constatazione – ha spiegato Dario Gagliardi, titolare dell’omonima agenzia immobiliare - e cioè dal fatto che la media generale delle età delle abitazioni è piuttosto alta, e quindi c’è una manifesta ricerca di appartamenti nuovi, nonostante questa offerta in realtà non sia mai stata interrotta. Ci sono al momento due grandi tipologie di clientela: le giovani coppie che devono acquistare la prima casa e sono naturalmente molto più esigenti rispetto a quelle di 20-30-40 anni fa nel cercare e richiedere alcuni specifici comfort e accorgimenti, e le famiglie che hanno abitato per alcuni decenni in aree periferiche, e adesso hanno possibilità economica e soprattutto motivazioni di volersi avvicinare al centro cittadino, magari vendendo la propria casa acquistata in zona 167 o al grande quartiere di ‘Lucera2’. In entrambi i casi è di grande attrattiva il vasto fenomeno di riqualificazione che si sta osservando tutto a ridosso del centro storico
”.

La piante dell'intervento pianificato in Viale Ferrovia, Via Montesanto e Via Montello

In effetti sono visibili almeno due grandi iniziative di demolizione e ricostruzione di antichi edifici in Piazza Di Vagno e Via Napoleone Battaglia. I promotori sono stati incentivati anche dall’aumento di cubatura prevista dal Pug per operazioni del genere che stanno riscuotendo un grande successo commerciale. In questo modo stanno nascendo palazzine modernissime, collocate sulla circonvallazione interna della città e comunque a pochi passi dal nucleo centrale dell’abitato.

Anche nell’edilizia pubblica ci sono importanti novità che riguardano anche Lucera, e provenienti da Arca capitanata che ha ottenuto oltre 22 milioni di euro di finanziamenti regionali con cui procedere a interventi di efficientamento energetico e miglioramento sismico per 358 abitazioni (anche a Foggia e San Severo), di proprietà dell’ente che una volta si chiamava Istituto Autonomo Case Popolari. 
Una delle gare d’appalto bandite, per un importo di 4 milioni, riguarda 80 alloggi di Via Tiziano, dai civici 1 a 10, dove verranno installati speciali isolatori sismici sugli stabili.

Riccardo Zingaro

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.