14/11/2021 21:24:44

Animali e natura a favore del benessere dei bambini

Ha preso il via proprio da Lucera, alla Masseria nel Sole, una nuova iniziativa della Asl Foggia in collaborazione con il Parco Nazionale del Gargano. 
Il Dipartimento di Prevenzione ha varato il progetto “Artisti ambientali per un giorno”, praticamente una giornata in cui a un gruppo di alunni (i primi sono stati della scuola primaria di Rignano ) sono state proposte attività di arte, interazione con gli animali e conoscenza della natura.
Hanno disegnato lasciandosi ispirare dal contesto di flora e fauna che li circondava, hanno imparato le tecniche di conduzione e gestione di un animale docile come il cane, hanno ammirato il volo di un falco appositamente addestrato e soprattutto hanno fatto un giro in carrozza, scoprendo il territorio circostante trainati da due cavalli Murgesi, tipica razza pugliese.
In effetti l’itinerario in carrozza è nato come esperienza riferita alle categorie più fragili, agli scolari e a chi ha affrontato e vissuto con estremo stress il periodo pandemico e ne sta uscendo con qualche difficoltà, mirando al “supportare il benessere psicofisico della popolazione” che l’Asl ha messo tra i suoi obiettivi di questi tempi. A questo si aggiunge la valorizzazione dei siti naturalistici del Parco, con incontri di divulgazione e formazione sui temi del benessere psico-fisico generato proprio dalla permanenza fisica in natura, con risvolti sull’educazione ambientale e gestione delle aree protette. 

“La carrozzabilità e gli innesti di arte rappresentano un’estensione delle attività che già svolgiamo in tema di pet therapy - ha spiegato Luigi Urbano, direttore del Dipartimento di Prevenzione della Asl – coniugando tutte le iniziative a favore delle categorie più fragili e aumentando la vivibilità del territorio, a partire dal Parco Nazionale del Gargano con il suo ecosistema”. 
“La nostra priorità è quella di portare i bambini all’aria aperta – ha aggiunto la dottoressa Ilaria Colio, ideatrice e responsabile dell’iniziativa – così da familiarizzare con la flora e la fauna del nostro territorio, e poi portando emozioni e conoscenze acquisite su una tavola da disegno. I lavori vengono poi premiati al termine della giornata e tutti finiranno in un’apposita pubblicazione. Le attività vengono svolte proprio ‘en plein air’, seguendo l’antica usanza degli impressionisti che si lasciavano guidare dall’ambiente circostante
.

Viene così migliorato il benessere psico-fisico e sollecitata la creatività, in modo da apprendere nozioni di storia dell’arte ma allo stesso tempo metterle in pratica nell’attualità. Diventa fondamentale comprendere la diversa percezione di un’immagine che si può avere dipingendo all’aperto, in stretto contatto con la natura rispetto a quanto può avvenire in luoghi chiusi, anche perché potrebbe fornire importanti indici sugli stili di apprendimento”.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.