26/04/2022 12:03:49

Niente ghetti per i profughi ucraini

La posizione del Comune di Lucera sull’accoglienza degli ucraini in città era chiara fin dall’inizio dell’emergenza, ed era stata subito illustrata dal sindaco Giuseppe Pitta in occasione della formazione del comitato cittadino: “Ogni singola persona accolta deve poi essere considerata come un nostro concittadino – aveva detto - e quindi le cose vanno fatte per bene e vanno considerati tutti gli aspetti, soprattutto a lungo termine. Abbiamo intenzione di procedere con grande prudenza, cercando di capire bene cosa fare, senza però creare ghetti, soluzione pure più facile da trovare, magari requisendo un hotel. Miriamo invece all’integrazione vera e sono sicuro che tutti insieme faremo la nostra parte e certamente un ottimo lavoro”. 

Alla Provincia di Foggia, però, che si occupa della gestione di immigrati di ogni tipologia, un paio di settimane fa erano tornati alla carica, ipotizzando apertamente l’utilizzo dell’hotel Palace (per qualche mese utilizzato come hotel Covid), ma anche in quella occasione l’Amministrazione comunale si è opposta, peraltro facendo rilevare che quella struttura non possedesse i requisiti necessari indicati dalla norma, e per giunta disattendendo a quegli obiettivi di accoglienza diffusa caldeggiati in più occasioni, e oggi attuati sul territorio con una quarantina di persone già assistite con varie modalità, ma tutte in abitazioni private. 
“Quel progetto di accentrare tutti in un unico luogo è stato definitivamente sospeso – ha annunciato il consigliere comunale e provinciale Tonio De Maio –  con una specifica determinazione del responsabile del settore di Palazzo Dogana. Noi ci opporremo sempre alla nascita di ghetti sul territorio”.

Sulla questione ci sono già precedenti dello stesso tipo, proposti dalla Regione Puglia che qualche anno fa voleva creare un centro di accoglienza per lavoratori agricoli stagionali nei pressi della SS.17. In quella occasione fu l’allora sindaco Antonio Tutolo a rifiutare l’iniziativa, e su questo argomento è tornato a confermare la sua contrarietà anche per la gestione dei profughi che stanno affluendo alla spicciolata ma ormai con un flusso costante.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.