01/06/2022 07:31:35

Alunne del'Ipsarr protagoniste a Vicenza

L’istituto alberghiero di Lucera si è aggiudicato il 1° posto nella gara di accoglienza turistica ed il premio per il miglior itinerario turistico alla competizione nazionale tra scuole omologhe promossa dal ministero dell’Istruzione e tenutasi a Vicenza nei giorni scorsi. 
Sono stati 55 gli allievi del IV anno provenienti da 23 contesti di 11 diverse regioni che si sono cimentati in prove teoriche e pratiche, mettendo in campo conoscenze e competenze culturali e professionali. 
La scuola lucerina ha partecipato con due alunne guidate dai docenti Filomena Catanese e Michele Policelli: Desireè Capra ha sbaragliato la concorrenza, mentre Sara Michelle Amenduni, indirizzo sala e vendita, ha affrontato con merito i due test previsti. 

La prova progettuale prevedeva l’organizzazione di un evento di promozione di un prodotto a marchio di origine europea della regione Veneto, la redazione di un menu in relazione a specifici regimi dietetici ed alimentari, l’abbinamento cibo-vino, la proposta di un cocktail pre dinner e lo sviluppo di quesiti di Scienza e cultura dell’alimentazione e Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva. 
La prova pratica invece riguardava la realizzazione di un cocktail IBA 2020, la conversazione in lingua inglese, la mise en place e la degustazione di un vino del territorio veneto. La giovane Capra, mediante strumenti informatici, ha presentato una brochure promo-pubblicitaria di una struttura ricettiva, ha affrontato una prova di role-play al front office in lingua inglese e francese, e ha realizzato ed illustrato un itinerario sulle attrattive turistiche ed enogastronomiche dei Colli Berici per visitatori amanti del cicloturismo.

Il dirigente scolastico Mirella Coli ha sottolineato come l’istituto sia stato l’unico del centro-sud Italia a essere stato premiato in un appuntamento di tale livello.
“Viene così riconosciuto l’impegno costante dei nostri alunni e docenti – ha detto – e questo certifica che dalle nostre zone si formano i professionisti del futuro e che grazie ad indirizzi professionalizzanti come i nostri tutti gli allievi possono ambire a ritagliarsi uno spazio lavorativo futuro”.

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0234s.