07/06/2022 08:24:00

Un libro su mafia e antimafia di Capitanata

“L’altra città. Mafia e antimafia di Capitanata” è il titolo di un volume che sta avendo ampia diffusione della società civile della provincia, nell’ambito delle attività previste da “La strada. C’è solo la strada su cui puoi contare”, vincitore dell'”Avviso Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale: educazione alla cittadinanza attiva e miglioramento del tessuto urbano” della Regione Puglia. 
Il progetto è promosso da un’Associazione Temporanea di Scopo che vede il Comune di Cerignola in qualità di ente capofila e un nutrito partenariato composto da Comune di Foggia, CSV Foggia, Cooperative sociali Medtraining e Altereco. 
La pubblicazione è curata dalla esperta di criminologia Annalisa Graziano e dal sociologo Roberto Lavanna, rispettivamente responsabile della comunicazione e direttore del CSV Foggia. Descrive le mafie che hanno colpito il territorio foggiano negli ultimi quarant’anni, con un’attenzione particolare alle storie delle vittime innocenti e alle azioni di contrasto alla criminalità organizzata. Hanno collaborato i giornalisti Francesco Pesante ed Emiliano Moccia e l’avvocata e referente di Libera Foggia Federica Bianchi. La prefazione del volume, pensato per le giovani generazioni e per questo arricchito con grafici e riproduzioni di articoli storici, porta la firma di Giuseppe Volpe, già procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. La postfazione è di Adriana Sabato, fino a ottobre 2021 Commissario Straordinario di Cerignola.

Il volume sarà presentato anche a Lucera venerdì 10 giugno alle 18.30 al Circolo Unione, con l’intervento di tutti quelli che hanno contribuito alla sua redazione, su iniziativa del Comitato “ParliAMO di legalità” promosso da Giuseppe Pio Padovano, il quale ha creato un sodalizio che si pone l’obiettivo di diffondere il senso civico e la cultura della legalità nei vari ambiti della società. La sua attività di osservatorio urbano spazia dalle conferenze sul tema nelle scuole a incontri per far conoscere fenomeni criminali, come le truffe agli anziani. Sono state già messe in cantiere azioni specifiche, con l’intervento di importanti esperti del settore, dedicate alle problematiche derivanti da alcol, droga, gioco d’azzardo e violenza di genere. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.