29/07/2022 10:16:35

Troia e Pietra ‘Spighe verdi’

Sono 63 in tutta Italia le Spighe Verdi 2022 per i Comuni rurali, in aumento di 4 rispetto all’anno scorso. 
La Puglia è la terza regione per numero, con otto centri, tra cui i due di Capitanata di Troia e Pietra. Gli altri sono Andria, Bisceglie, Castellaneta, Carovigno, Ginosa e Ostuni.

Spighe Verdi è un programma nazionale della Foundation for Environmental Education, l’organizzazione che rilascia nel mondo il riconoscimento Bandiera Blu per le località costiere, pensato per guidare i Comuni rurali, passo dopo passo, a scegliere strategie di gestione del territorio in un percorso virtuoso che giovi all’ambiente e alla qualità della vita dell’intera comunità. Per portare i Comuni rurali alla graduale adozione dello schema Spighe Verdi, la fondazione FEE Italia ha condiviso con Confagricoltura un set di indicatori in grado di fotografare le politiche di gestione del territorio e indirizzarle verso criteri di massima attenzione alla sostenibilità.
Affinché il programma raggiunga il massimo del risultato, sono necessari due elementi essenziali: la volontà dell’Amministrazione comunale di iniziare un percorso di miglioramento e la partecipazione della comunità e delle imprese, in particolar modo quelle agricole, alla sua realizzazione. 
L’iter procedurale, certificato ISO 9001-2015, ha guidato la valutazione delle candidature, permettendo alla Commissione di Valutazione il raggiungimento del risultato finale. Nel gruppo di lavoro è stato importante il contributo di diversi Enti istituzionali, tra i quali il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali; il Ministero per il Turismo; il Ministero della Transizione Ecologica; l’Ispra e Confagricoltura.
Alcuni indicatori presi in considerazione sono stati: la partecipazione pubblica; l’educazione allo sviluppo sostenibile; il corretto uso del suolo; la presenza di produzioni agricole tipiche; la sostenibilità e l’innovazione in agricoltura; la qualità dell’offerta turistica; l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla raccolta differenziata; la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio e del paesaggio; la cura dell’arredo urbano; l’accessibilità per tutti senza limitazioni. 
Spighe Verdi si basa sull’esperienza trentennale di FEE, presente in 77 Paesi, nella gestione del programma internazionale Bandiera Blu, un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari.

"Spighe Verdi è un programma ‘che chiama all’azione’, che chiede un impegno continuo e radicale a ciascun cittadino o imprenditore o amministratore del territorio – ha dichiarato Claudio Mazza, presidente della FEE Italia – ciascuno chiamato a fare la propria parte sui temi e sui tempi della sostenibilità, in un circolo virtuoso di azioni necessarie e interconnesse tra loro. In un momento in cui le Amministrazioni sono chiamate a confrontarsi anche con calamità naturali, brusche variazioni climatiche, emergenze ambientali e sanitarie, un Comune certificato Spiga Verde possiede certamente una modalità di lavoro e di gestione del territorio, in cui tutti sono protagonisti di buone pratiche ambientali e comportamenti virtuosi che non solo fanno la differenza ma che nel tempo rendono possibile quel cambiamento culturale di cui abbiamo bisogno”.

Pietramontecorvino è uno dei 7 comuni che ha ottenuto la Spiga Verde per la prima volta nel 2022 grazie “al continuo e costante impegno profuso dall’Amministrazione comunale, con il prezioso sostegno e contributo della comunità, nell’intento di innescare, favorire e praticare buone pratiche in tema di sostenibilità ambientale, partecipazione attiva e transizione culturale – ha commentato il sindaco Raimondo Giallella – e sono particolarmente orgoglioso del riconoscimento, consapevole della responsabilità che ne consegue. Per cui, sarà nostro dovere impegnarci per confermare e migliorare ulteriormente il risultato raggiunto, anche traducendolo in un’opportunità di valorizzazione e promozione in chiave enogastronomica e turistica del nostro bellissimo paese e della sua magnifica terra”.
Per Troia, invece, si tratta di una conferma dello scorso anno che “non solo premia le azioni ed i programmi dell’Amministrazione comunale – ha detto il sindaco Leonardo Cavalieri - ma anche riconosce il grande lavoro delle imprese agricole del nostro splendido territorio, attente alla tipicità e sempre più sostenibili ed innovative. Il nostro obiettivo è migliorare ancora i nostri progetti e le politiche di sviluppo rurale”.

Red. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0156s.