09/11/2022 07:23:23

La battaglia tra donne e cellulite

La cellulite consiste nell’accumulo sotto la pelle di cellule grasse e di tessuto adiposo che formano delle cavità dall’aspetto di fossette e la cosiddetta “pelle a buccia d’arancia”, per l’aspetto simile a quello del frutto. Le zone più inclini a soffrire di questo problema sono le cosce, i glutei, i fianchi e la pancia, anche se può interessare anche altre zone del corpo.
È un problema molto comune tra le donne italiane, infatti in base ai dati a disposizione di Nutritienda, azienda leader nel settore dei prodotti di salute e bellezza, nove donne su dieci soffrono di cellulite e per il 65% di esse, rappresenta anche un grave problema estetico che in molte occasioni provoca vergogna, soprattutto durante la stagione estiva. La maggior parte delle donne cerca delle soluzioni anche se molte volte non è così facile perché i rimedi cambiano a seconda della causa e del grado di cellulite. I tipi principali di cellulite sono i seguenti:
1. Edematosa
È presente sulle cosce e i glutei delle donne tra i 20 e i 40 anni: oltre alla “pelle a buccia d’arancia” è caratterizzata anche da ritenzione idrica e può provocare smagliature. Di solito provoca dolore quando si tocca la zona interessata e ha un aspetto violaceo a causa della mancanza di circolazione sanguigna. Le persone in sovrappeso e in menopausa sono le più predisposte.
2. Flaccida
Anche se può colpire le donne di tutte le età, è maggiormente presente nella fascia d’età compresa tra i 40 e i 50 anni. È caratterizzata da una flaccidità estrema ed è presente sulle cosce e sui glutei ma può comparire anche sulle braccia, sulla pancia o sulla schiena. Le cause principali sono la mancanza di attività fisica e le diete dimagranti drastiche.
3. Compatta
Questo tipo di cellulite colpisce soprattutto le giovani donne ed è presente sulla parte interna delle ginocchia, sulla parte esterna delle cosce o “cartucciere” e di solito è accompagnata da smagliature. Ha un aspetto rugoso e con fossette e provoca dolore quando si toccano le zone interessate. Tra le sue principali cause ci sono i cambi ormonali, la genetica e una cattiva alimentazione.

La maggior parte delle persone associa la cellulite al sovrappeso ma non è così, si può essere molto magre e soffrirne poiché tra le cause della cellulite ce ne sono alcune dovute a fattori difficili da evitare, per cui l’unica cosa da fare è cercare di attenuarla ma senza poterla eliminare completamente. Questi sono alcuni tra i fattori da considerare:
Genetica
La genetica è uno dei fattori principali che causano la cellulite. Esiste una componente ereditaria: se ne hanno sofferto madri o nonne, c’è maggiore predisposizione. A ciò bisogna aggiungere una maggiore predisposizione all’accumulo di grasso, una cattiva circolazione sanguigna e una maggiore ritenzione idrica. Esiste un test che analizza il DNA per sapere se la cellulite è dovuta ai propri geni e in caso affermativo è possibile conoscere quali geni sono implicati in modo da determinare il trattamento più efficace.
Genere
Un altro fattore fondamentale è il genere: anche gli uomini soffrono di cellulite ma in maniera molto inferiore, si parla del 10%. Le zone più colpite sono l’addome e le cosce ma sempre in misura minore rispetto alle donne.
Cambiamenti ormonali
I cambiamenti ormonali costituiscono un fattore chiave perché un livello elevato di estrogeni e una maggiore ritenzione idrica possono causare la comparsa della cellulite: la pubertà, il ciclo mestruale, la menopausa o l’assunzione della pillola sono alcune tra le fasi durante le quali viene stimolato maggiormente lo sviluppo della cellulite. Un altro momento determinante è la fase della gravidanza, perché oltre a un aumento considerevole degli ormoni e della ritenzione idrica, la crescita della pancia riduce la circolazione e il drenaggio linfatico delle vene e dei vasi linfatici.
Stile di vita
Un cattivo stile di vita rende le donne più predisposte a soffrire di cellulite ma questa è la causa più facile da risolvere. Una cattiva alimentazione con aumenti e cali di peso, la mancanza di attività fisica, un riposo non adeguato, indossare scarpe con tacchi molto alti, il fumo e le docce con acqua troppo calda, sono delle pratiche che ostacolano il ritorno venoso e stimolano la sua comparsa.

Gli esperti consigliano i passi da seguire:
1. Seguire un’alimentazione equilibrata
Un’alimentazione sana ed equilibrata è fondamentale per mantenere il peso entro limiti salutari e ridurre la cellulite nel caso in cui le abitudini non siano adeguate. Il consumo di alimenti ipercalorici aumenta il tessuto adiposo e peggiora l’aspetto della cellulite. L’abuso di sale, presente in grandi quantità negli alimenti ultra-lavorati, può causare ritenzione idrica che rappresenta una tra le cause principali della sua comparsa. Anche l’alcool o la caffeina sono dannosi. È importante avere alla base dell’alimentazione verdure come gli asparagi e i carciofi, alimenti ipocalorici e fonti di vitamine e minerali, come il potassio. La frutta è una parte fondamentale: spiccano le arance e le fragole, fonte di vitamina C, una vitamina antiossidante.
È importante mantenersi idratati, per questo motivo il consumo di frutta e verdura e l’assunzione di acqua aiuteranno a evitare la ritenzione idrica e a eliminare le tossine e di conseguenza anche la pelle si manterrà idratata, evitando la secchezza e la mancanza di elasticità. 
Le linee guida per combattere la cellulite:
Infusi di tè verde
Il tè verde contiene componenti attivi come i flavonoidi, dei polifenoli dalle proprietà antiossidanti, tra cui le catechine. Gli antiossidanti aiutano a neutralizzare i radicali liberi, contrastando l’invecchiamento e preservando l’aspetto della pelle. Inoltre il tè verde contiene teina, la stessa molecola della caffeina, un alcaloide che ha un effetto stimolante e accelera il metabolismo.
Frullati di ananas, arancia, fragole e banana
Anche se la cosa migliore è consumare la frutta intera, un altro modo per incorporare poco a poco la frutta nell’alimentazione è attraverso i frullati di frutta. La maggior parte è perfetta per evitare la ritenzione idrica poiché è composta da acqua, vitamine e minerali ma i frutti più indicati sono i seguenti: le arance e le fragole, fonti di antiossidanti come la vitamina C, le banane, che contengono potassio e l’ananas, che contiene bromelina, un enzima che interviene nella digestione delle proteine e iodio, che favorisce il metabolismo energetico. Si possono combinare sotto forma di frullati o succhi più volte alla settimana.
2. Praticare attività sportiva
La vita sedentaria costituisce uno dei motivi principali per cui i problemi di cellulite peggiorano con il tempo. Anche se l’esercizio non eliminerà completamente la cellulite, può ridurre e prevenirne la comparsa. Attraverso l’attività fisica si drenano le cellule adipose, si attiva la circolazione sanguigna e il metabolismo delle cellule grasse, si rafforza il sistema immunitario e le ossa e si migliora la capacità respiratoria. Quasi tutti gli esercizi aiutano a migliorare l’aspetto della cellulite, l’importante è combinare esercizi tonificanti e cardio. Ecco due buoni esempi:
Running
Il running è uno degli esercizi più completi perché il movimento migliora la circolazione sanguigna, stimola il metabolismo e aiuta a evitare la possibile ritenzione idrica. Inoltre si rassoda e tonifica la pelle, rinforzando la muscolatura e riducendo l’aspetto della cellulite. È consigliabile correre un paio di volte alla settimana realizzando un riscaldamento prima e stiramenti dopo la corsa. Si può combinare il running con lo squat e allenamenti che rinforzano i glutei. Non ci sono scuse, se si ritiene la corsa troppo faticosa, si può camminare 45 minuti al giorno, non ottenendo gli stessi effetti ma sicuramente aiuta.
Acquagym
È un’attività tra le più complete perché include vari esercizi che offrono risultati ottimali se vengono effettuati in acqua ma che sono efficaci anche se vengono realizzati fuori. L’attività in acqua stimola la circolazione e previene la ritenzione idrica, inoltre la pressione esercitata in acqua dal corpo richiede uno sforzo maggiore. L’ideale sarebbe combinare acquagym e nuoto, uno degli sport più benefici per la salute.
3. Ridurre lo stress
Lo stress è un’altra delle cause più frequenti della comparsa della cellulite o del suo peggioramento, poiché coloro che soffrono di stress aumentano i loro livelli di cortisolo e ciò provoca l’aumento dei depositi di grasso. Si può ridurre lo stress praticando yoga, una tecnica che aiuta a rilassare e rinforzare i muscoli e aumenta la flessibilità del corpo, migliorando notevolmente la cellulite.
4. Evitare indumenti stretti
Gli indumenti stretti peggiorano la circolazione e di conseguenza la cellulite. Oltre a impedire la circolazione favoriscono la ritenzione idrica ed evitano la corretta eliminazione delle tossine: bisogno provare a indossare vestiti comodi e possibilmente di cotone evitando le fibre sintetiche e la lycra.
5. Massaggi con creme e oli
Le creme e gli oli anticellulite sono molto utili, contengono ingredienti che attivano gli acidi grassi e li eliminano, migliorando l’aspetto della pelle. Questi prodotti aiutano a ridurre i depositi di grasso, attivano la circolazione e la lipolisi, rassodano e levigano le zone da trattare esercitando un’azione drenante e contrastando la ritenzione idrica. Bisogna applicare la crema o l’olio effettuando un massaggio delicato, è molto importante non strofinare o comprimere la zona massaggiata e i massaggi devono essere delicati: in questo modo si attiva la funzione depurativa e stimolando i punti linfatici, migliorando la circolazione e facilitando l’assorbimento di questi prodotti. Sul mercato esistono inoltre dei massaggiatori che ottimizzano i risultati. Tra gli ingredienti più efficaci delle creme e degli oli ci sono la caffeina, la centella asiatica, la betulla, il retinolo, la vitamina E o il ginkgo biloba.
6. Cliniche estetiche
Oggi esistono delle cliniche specializzate che utilizzano trattamenti con ultrasuoni che distruggono il tessuto grasso accumulato sotto la pelle, la radiofrequenza, che applica del calore sugli strati più profondi dell’epidermide, riducendo la flaccidità, le onde d’urto, che rompono il tessuto adiposo levigando la pelle o la pressoterapia, che stimola il drenaggio linfatico e riduce l’accumulo di grasso.

Noelia Suarez, responsabile comunicazioni di Nutritienda, ha dichiarato: "La cellulite è uno dei problemi estetici che preoccupa maggiormente le donne italiane ed è uno dei più difficili da risolvere poiché la maggior parte delle sue cause come la genetica, il genere o gli ormoni, non si possono evitare. Dobbiamo imparare ad apprezzare il nostro corpo così com’è, tuttavia non è facile e molte donne cercano delle soluzioni per migliorare l’aspetto della propria pelle. Per questo motivo vogliamo dire a queste donne che non tutto è perduto perché esistono molti rimedi, esercizi e tecniche che aiutano a ridurre la cellulite e i suoi effetti, migliorando il loro aspetto in modo considerevole ma anche la loro salute che dopotutto è la cosa più importante”.

Red. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.