23/09/2022 09:34:33

Maxi esercitazione del 118 a Foggia

Sono stati due giorni intensi e coinvolgenti quelli del convegno nazionale “Maxiemergenze: Scienza e realtà”, che ha visto la Capitanata protagonista di un evento unico nel suo genere, organizzato dalla Centrale Operativa 118 di Foggia-Capitanata e dal suo responsabile Stefano Colelli. Al convegno hanno partecipato i vertici del Policlinico, il commissario straordinario Giuseppe Pasqualone, il direttore amministrativo Elisabetta Esposito e il direttore sanitario Leonardo Miscio.
L’evento è culminato con una imponente simulazione di maxiemergenza conseguente ad attacco da agenti chimici, che ha avuto luogo nello spazio antistante l'elipista del Dipartimento Emergenza Urgenza.  
Sono stati 160 i partecipanti al modulo formativo per fronteggiare sia le maxiemergenze legate a fenomeni naturali sempre più frequenti, come pandemie, alluvioni o incendi, sia incidenti ferroviari, stradali o aerei, ma anche a maxiemergenze di attualissima portata quali attacchi da armi nucleari, biologiche, chimiche e batteriologiche. 
Con il coinvolgimento di numerosi operatori sanitari, è stato simulato un attacco da agenti chimici e sono state messe in campo le azioni previste, come la perimetrazione della zona colpita, l’allertamento del sistema per evento maggiore/calamità con l’intervento delle squadre tecniche speciali dei Vigili del Fuoco, il triage, l’assistenza dei feriti e l’evacuazione.  Anche un elicottero dell’elisoccorso è giunto sul luogo della simulazione.
Grande soddisfazione per la riuscita dell’evento è stata espressa dal Dott. Stefano Colelli, Direttore della Struttura Complessa di Centrale Operativa 118 del “Policlinico Foggia”, che ha dichiarato: “Ho potuto constatare grande interesse e desiderio di collaborare per un progetto comune da parte della Sanità, delle Forze dell'Ordine, dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile. Questi mondi oggi si sono incontrati per un confronto diretto e costruttivo. Questo evidenzia la necessità di avere maggiori momenti di riflessione su tali tematiche per rendere gli interventi sempre più efficaci”.

Le attività si sono svolte in collaborazione con l’Asl foggia e la sua struttura 118, Sanitaservice, Protezione civile, Croce rossa, vigili del fuoco, carabinieri, polizia di Stato, vigili urbani e tutte le associazioni di volontariato intervenute.
“L’evento ha evidenziato come il 118 sia un insostituibile fulcro in caso di eventi emergenziali – hanno fatto sapere da Foggia - e come la struttura abbia un ruolo delicatissimo nel ricevere l’allarme, valutare gli avvenimenti in corso, dimensionare l’evento e inviare i soccorsi in modo ragionato e modulato, interfacciandosi con i mezzi e anche con le forze dell’ordine. L’attivazione di un piano in un evento catastrofico è basilare, poiché mette a disposizione, in un arco di tempo relativamente breve, mezzi e personale altamente qualificato ed addestrato, finalizzato ad una limitazione dei danni, ma soprattutto a salvare molte vite umane”.

Red. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0313s.