09/11/2022 12:13:19

Aiuti di Stato, limiti e limitazioni

Si definiscono Aiuti di Stato i trasferimenti di risorse pubbliche a favore di alcune imprese o produzioni che, attribuendo un vantaggio economico selettivo, falsano o minacciano di falsare la concorrenza. Di norma sono vietati dalla normativa europea, ma per far fronte agli effetti economici della pandemia, e stato approvato il Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza da Covid 19.
Nel corso del 2020 e del 2021 è stata erogata una serie di agevolazioni, contributi a fondo perduto e bonus che rientrano in questa cornice.
Dal momento che i beneficiari delle misure emergenziali sono tenuti a rispettare precise condizioni e specifici limiti modificati nel tempo, il Decreto Sostegni ha definito le modalità applicative per la verifica del rispetto dei limiti e delle condizioni, al fine di non superare i limiti imposti. Bisogna quindi effettuare una dichiarazione (con valore di atto notorio e quindi con risvolti penali) da rendere entro il 30 novembre all'Agenzia Entrate, procedere al controllo se si è superato il limite, e nel qual caso il surplus andrà restituito.

Sono Aiuti di Stato Covid:
- cancellazione acconto IRAP; contributi a fondo perduto, credito d'imposta per l'adeguamento degli ambienti di lavoro; bonus affitto; disposizioni in materia di imposte dirette e di accise nel Comune di Campione d'Italia; esenzioni dall'imposta municipale propria IMU per il settore del turismo e dello spettacolo
- contributo a fondo perduto da destinare agli operatori IVA dei settori economici interessati dalle nuove misure restrittive; credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda; cancellazione della seconda rata IMU concernente gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività riferite a specifici codici ATECO
- contributo a fondo perduto da destinare all'attività dei servizi di ristorazione
- esenzione dalla prima rata degli effetti connessi all'emergenza dell'IMU 2021 degli immobili per specifiche attività dei settori del turismo e ricettività; credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo.

Contributi a fondo perduto per minori fatturati:
- contributi a fondo perduto; contributi a fondo perduto per le start up; ulteriori interventi fiscali di agevolazione e razionalizzazione connessi all'emergenza Covid; esenzione canone Rai; esenzione dal versamento della prima rata dell'imposta municipale propria; credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda. 

La lista è solo orientativa perché può accadere, per esempio, che un acquisto di una trattrice agricola con il “Bonus sud Mezzogiorno” rientri negli aiuti di stato, mentre la stessa trattrice acquistata con il “Bonus 4.0” non vi rientra. Ancora più complessa è la vicenda dei valori massimi variati nel triennio 2020-2022, con la conseguenza che bisogna fare riferimento a quale periodo si riferisce il contributo. Di più ampia portata è che in genere gli aiuti concessi nel Temporary Framework (periodo Covid 2020-2022) specificano che i limiti devono comprendere ogni forma di aiuto, fideiussione e garanzie bancarie.

Resta il dubbio per l'agricoltura e la pesca se i vari PIF vi rientrano, mentre i PSR sono in parte esenti.

Istruzioni sul calcolo per verificare il rispetto dei limiti sugli aiuti di Stato Covid
Nell'arco temporale preso in considerazione dal Decreto ministeriale, sul monitoraggio i beneficiari devono rispettare i limiti che seguono.

Aiuti di importo limitato - Sezione 3.1 del Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza da Covid-19

Impresa unica 
800.00 euro, dal 19 marzo 2020 al 27 gennaio 2021  
1.800.000 euro, dal 28 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021

Imprese operanti nel settore della pesca e agricoltura
120.000 euro, dal 19 marzo 2020 al 27 gennaio 2021
270.000 euro, dal 28 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021

Imprese operanti nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli
100.000 euro, dal 19 Marzo 2020 al 27 gennaio 2021
225.000 euro, dal 28 Gennaio 2021 al 31 dicembre 2021

Aiuti sotto forma di sostegni a costi fissi non coperti - Sezione 3.12 del Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza da Covid-19

Impresa unica
3.000.000 di euro, dal 13 ottobre 2020 al 27 gennaio 2021
10.000.000 di euro, dal 28 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 

Queste soglie sono state ulteriormente innalzate con la proroga del Quadro temporaneo degli Aiuti di Stato al 30 giugno 2022.

Aiuti di importo limitato - Sezione 3.1 del Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza Covid

Impresa unica
2.300.000 euro, dal 31 dicembre al 30 giugno 2022

Imprese operanti nel settore della pesca e agricoltura
345.000 euro, dal 31 dicembre al 30 giugno 2022

Imprese operanti nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli
290.000 euro, dal 31 dicembre al 30 giugno 2022

Studio Viola & Partners
studioviolafeliciano@alice.it
tel.0881549932

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0317s.