09/11/2022 17:25:13

Una sede Archeoclub anche a Lucera

Dopo quelle di Bovino, Cerignola, Deliceto e Manfredonia, anche a Lucera apre una sede dell’Archeoclub d’Italia che i fondatori hanno intitolato “Minerva”, la dea alla quale, secondo il geografo Strabone, era dedicato un importante tempio dell’antica Luceria. Un suo busto famosissimo in terracotta fa parte del corredo espositivo del Museo Fiorelli.
A presiedere il sodalizio è Walter di Pierro, il suo vice è Alessandro De Troia, Emma Pia Vitale è la segretaria, Simone De Troia il tesoriere e Marco Occhipinti consigliere. Gli altri fondatori sono Antonio Carbone, Serena Checchia, Paolo Antonio Cibelli, Anna Maria d’Apollo, Vittorio Luigi Di Giovine, Felicetta Di Iorio, Costantino Postiglione e Giovanna Sasso.
“Con la sua storia millenaria, i suoi monumenti e i suoi manufatti, Lucera meritava, e merita, una sede locale dell’Archeoclub d’Italia”, hanno fatto sapere i promotori che hanno già annunciato iniziative e azioni di intervento da mettere in atto con una scala di priorità.
L’Archeoclub d’Italia Aps è un ente del Terzo settore che si prefigge di sostenere con un impegno concreto gli studiosi e gli esperti dell’archeologia nella divulgazione della conoscenza del passato. Conoscere, custodire, valorizzare e promuovere sono i quattro capisaldi entro cui si muove l’azione del sodalizio che si articola in una sede nazionale, in comitati regionali e in sedi locali, queste ultime sparse su tutto il territorio nazionale e che rappresentano l’articolazione periferica dell’associazione stessa.

Red. 

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0303s.