19/03/2024 11:32:13

Gli incanti della canzone classica napoletana

Una suggestiva full immersion nella canzone classica napoletana celebrata da varie prospettive nel terzo appuntamento della stagione dell’Orchestra ICO Suoni del Sud che ha avuto luogo domenica sera al Teatro Giordano di Foggia.
Nella lunga serata (quasi due ore di concerto), intitolata “Gli incanti di Partenope”, si è assaporata la bellezza delle poesie musicate proposte dalla ricca scaletta: “Marechiare”, “O' Paese d' 'o Sole”, “Voce 'e Notte”, “Io te vurria vasà", “Reginella”, “O Surdato 'Nnammurato”, “Torna a Surriento”, “Era de Maggio”, “Core 'Ngrato”, solo per citarne alcune.

Le celebri melodie sono state interpretate con passione e intensità dal soprano Libera Granatiero e dal tenore Leonardo Gramegna, mentre l’accompagnamento musicale è stato affidato all’Orchestra dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese diretta dal maestro Benedetto Montebello.

Ogni trittico di esecuzioni è stato intervallato dagli interessanti e divertenti aneddoti raccontati da Riccardo Canessa, narratore che ha saputo dosare approfondita conoscenza della canzone partenopea e dei suoi grandi interpreti e momenti di vero show.

“La differenza nell’interpretare i brani della tradizione partenopea e quelli lirici – ha spiegato Leonardo Gramegna al microfono di Luceraweb – non sta nella tonalità, che anzi è proprio tenorile, ma nello stile, vale a dire nel porgere le parole delle canzoni napoletane che sono delle vere e proprie poesie che vanno interpretate con una certa dolcezza, con una tonalità che riempie i cuori; senza tralasciare, però, l’impostazione del canto tradizionale, perché non dobbiamo dimenticare che questi erano i cavalli di battaglia dei grandi tenori del passato come Enrico Caruso, Beniamino Gigli e altri”. 

Dopo il successo di “Queen Project”, un altro appuntamento targato Suoni del Sud che sta riscuotendo successo anche in altri teatri italiani, tra cui il Comunale de L’Aquila, riuscendo ad affascinare un pubblico trasversale e attento.

e.g.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Video allegati:





Condividi con:

0,0308s.