29/03/2024 11:27:16

Lucera nei francobolli, veri e falsi

Quello della foto sopra (a sinistra ) è naturalmente un fake, immagine circolata sui telefonini di tanta gente a Lucera a seguito della proclamazione di L’Aquila a Capitale Italiana della Cultura, e seguiva l’emissione di qualche giorno l’emissione del francobollo (vero, a destra) relativo a Pesaro che sta svolgendo l’importante ruolo in questo 2024. 
Era un modo sicuramente beffardo per evidenziare la situazione strutturale della città dal punto di vista estetico, ma anche un elemento di discussione su come si possa fare promozione del territorio anche attraverso questo tipo di strumenti che poi restano letteralmente impressi nel patrimonio del nostro Paese.

E non a caso, anche prendendo spunto da quanto riportato da Luceraweb qualche settimana fa su questo particolare mondo, potrebbe prendere forma un’importante operazione legata alla filatelia e in funzione proprio del 2026, animata dalla candidatura lucerina che promette di porsi come punto di riferimento per tutte le finaliste dell’edizione concluso di recente, ovviamente tutta ancora da costruire e mettere insieme in maniera organica e convincente anche per il ministero e per Poste Italiane che poi devono provvedere alla sua approvazione e attuazione.

In tanto, una citazione preziosa è venuta fuori nella giornata di ieri dalle pagine del Corriere della Sera che sta pubblicando una selezione di francobolli che hanno contribuito a raccontare la storia d'Italia. Nell'edizione del 28 marzo è stata riproposta la serie intitolata "Donne nell'arte", emessa il 2 gennaio 2002, all'indomani dell'introduzione dell'euro come moneta unica. Tra questi c'è anche la raffigurazione del busto di Proserpina del museo Fiorelli, alla quale è stato assegnato il taglio da 10 centesimi. 

r.z.

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0161s.