10/05/2024 07:16:46

Degrado e (in)vivibilità nelle periferie

Sono numerose le segnalazioni che arrivano alla redazione di Luceraweb a proposito di situazioni di degrado e incuria nelle zone periferiche della città, con risvolti sul patrimonio pubblico e la vivibilità dei luoghi da parte dei residenti.
Per la zona 167, alcuni cittadini hanno documentato quanto sta accadendo negli ultimi tempi tra Viale Michelangelo e Via Cellini, tra atti vandalici nei confronti di auto parcheggiate nei pressi dei due chioschi abbandonati e distrutti, luogo di consumo e presunto spaccio di sostanze stupefacenti. A questo si aggiunge un vecchio contenitore del vetro dato alle fiamme, molti pezzi di recinzione dell’area canile ormai mancanti, aiuole abbandonate con un tappeto di foglie e l’erba tagliata e non rimossa che è diventato ricettacolo di topi, oltre ai rami di alberi che ormai stanno entrando nelle abitazioni. 
“Sono cose che abbiamo fatto sapere da anni al Comune, con tanto di lettere protocollate – hanno detto in una mail a Luceraweb – per cui speriamo che una diffusione pubblica possa produrre maggiori effetti. Il disinteresse di chi ci governa, anche nel passato, ci provoca amarezza. L’attuale sindaco si è vantato che nelle strade limitrofe è stato rifatto il manto stradale, ma non vede quello che c’è a due passi e che viviamo viviamo quotidianamente senza avere nessuna risposta”.

E non va meglio nell’area mercatale, dove il giovedì l’aria è irrespirabile a causa della puzza di pesce. Sul posto è ancora presente il container della protezione civile che il Comune voleva dedicare alla cura dei gatti in Via Petrarca, e a poca distanza c’è quel manufatto in legno (che il progetto originario voleva fosse un piccolo punto di ristoro) da cui pende inesorabilmente la guaina di copertura. 
“In quelle condizioni non durerà ancora molto – ha riferito un cittadino – perché le infiltrazioni e la scrsa manutenzione lo danneggeranno in maniera irrimediabile. E chi paga per l’impoverimento di un bene pubblico?”.

Red. 

  • 1/4
  • 2/4
  • 3/4
  • 4/4

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0303s.