15/05/2024 15:30:29

Lettera al Comune di un nonno (defunto)

All'attenzione di Lucera Web,
mi rivolgo a voi con l'urgente necessità di portare all'attenzione di tutti un problema che continua a persistere senza una risoluzione adeguata. Si tratta della mancata accensione delle lampade votive collocate davanti ai loculi del cimitero, una questione che non solo colpisce l'aspetto pratico e di sicurezza, ma tocca anche le corde più profonde dell'empatia e del rispetto per i nostri cari defunti e per coloro che li ricordano.
Ho già avuto modo di segnalare il fatto in passato, tuttavia, nonostante gli sforzi, la situazione non mostra segni di miglioramento. Sono certa che comprendiate quanto sia importante per la nostra comunità risolvere questa questione al più presto possibile.
Per sfogare la rabbia mia, ma soprattutto quella di mia madre che ogni volta che si reca a trovare suo padre al cimitero da otto mesi si trova letteralmente circondata dal buio dei lunghi corridoi della cappella B del piano interrato del cimitero, ho usato parole. Non le mie però, bensì quelle di mio nonno, napoletano, che ho immaginato parlare e raccontare come si possa sentire da laggiù, anzi oserei dire da lassù. 
Allego quindi questa lettera che romanza la situazione, esprimendo il senso di disagio e di mancanza su ciò sta causando alla mia famiglia, ma immagino anche a tanti altri cittadini di Lucera. 
Cordiali saluti,
Desy


Carulì, stai ‘lloc? Sei tu? Raffaè? 
Ah, no tu staie buon ‘ngopp ‘o liett a dicere tutte ste preghiere, ‘e sent tutt quant, t ‘o giur, tutt quant! 
Quant si bell quann dici ‘o nomm’ mie! T’aggio venuto ‘nsuonno tant e chell ‘i vot, ma tu nun t rcuord e forse è megghie accussì. 
C’è qualcuno là fuori? ‘E vulit accennere ste luc, o no, ca nun vedo niente? Che ‘e stat stu rummor? Oi ma’ che paur! 
Nun sit vuie, chill è o figghie d nu cumpagn mie che aggia conosciut 'ccà, nu brav omm, ma a briscola non sa giocare, c ‘o steng ‘mbarann ie, ma 'e carte ccà nun se vedono bene 'nda sto' buio scur. Pensaie fossero ‘e criature (che criatur nun so’ ‘cchiù), nun l’aggia maie vist, nun ‘o sacc comme so’ fatt, ma ie a ‘e nipot mie c verrai pur pruoier ‘na cos ‘e sord, ma ccà nun se vede niente, com’ aggia fa? Eh, mica per altro, solo per questo.
Eh? Che dici? ‘O dialett dici? È ca io nun so' 'e ccà. Piacere, sono Vincenzo. Forse in italiano, mi viene meglio. Sono qui a Lucera da 14 anni, quando i miei figli si so’ purtat ‘ste quatt osa appriess 'ntr'a 'na casctell, pe’ tenerme vicino, quann loro nun ‘o sann che ie stong sempr appress a loro. Forse m sent’n certe volte, boh, nun ‘o sacc. Io so solo che un infarto mi ha spento la luce negli occhi e che il corpo non ha sentito più niente. 
Che pac ‘cca, oh, nun s sent nient, nun fa cav'r, nun fa fridd, nun c sta ‘na guerra, giustament, s sta da Dije, altrimenti che pace sarebbe. 
C sta na luc maie vist, comm’ s foss semb ‘na bella iurnat ‘e sol, ‘ndà stu post che io mi auguro che tu che stai leggendo lo veda in un tempo più lontano possibile, cient’ann a te e a tutt chill ca vuó ben. Però, per quanto possibile, ie m’affacc fuori da qui e, in mezzo a questi lunghi corridoi tutti uguali, solo la fioca luce del mattino riesce a illuminare i fiori che i nostri cari ci vengono a portare, quando ci vengono a salutare.
M'hanno ditto ca 'a morte fa paura, ma 'sto buio fa cchiù paura ancora. Scusassm assaje, se v dic quann stong dicenno, ma ie teng paur. Oh! L’aggia ditto. Ma no pe’ me, ie so’ muort che m’ ’n fott, ie teng paur r’e cristian che ven’n a truarm, a me e i compagn mie che ‘nsieme a me stann ‘ndà stu scur da 'cchiù e ott mis. ‘Nu poc anche pe’ me, però, perché da quando sono andato via, non ho più visto il volto delle persone che mi sono venute a trovare; qui è buio pesto ormai da tanto e io dei fiori freschi sento solo il profumo, non ne ricordo nemmeno più i colori. 
Vorrei rasserenare i miei cari, quando li vedo sotto il mio loculo, ie ‘o sacc che è tutta robba ‘e burocrazia, ‘o sacc che nun sit vuie a farm sta miezz a ‘sto buie, perché ‘o sacc comm’ vann ‘sti cos. Nun v fat ‘o sang amar, che ‘sti cos s risolvono, mó c pens ie.
Ecco qua, ie nun pretendo e verè o mar ra ‘ccà, ne tanto meno ‘o Vesuvio, ma almeno facitm ‘nu favor: dato che loro non possono più vedere me, date almeno a questi corridoi, in questo cimitero che porta già tanto buio nei cuori, nei distacchi, nelle lontananze, un po’ di luce per riuscire a vedere ancora il volto dei miei figli, di mia moglie e di tutte le persone che mi hanno voluto bene e a cui voglio bene.
Eh c’r’è! Mica vi chiedo ‘o pat etern! Anche pcchè nun m’ serv, già ‘o teng. ‘Na luc, na luc acces annanz ‘stu loculo. Iamm bell, ià!

(Luceraweb – Riproduzione riservata)

Condividi con:

0,0469s.